Nadia Santini, capo chef del ristorante “Dal Pescatore” è la Veuve Clicquot World’s Best Female Chef 2013

La migliore donna chef al mondo? Un’italiana. Nadia Santina, capo cuoca del ristorante pluristellato “Dal Pescatore” di Canneto sull’Oglio, in provincia di Mantova, ha conquistato il premio Veuve Clicquot World’s Best Female Chef 2013. Il riconoscimento, dedicato alla vedova di Clicquot (che 200 anni fa riuscì, unica donna, a imporsi in un universo all’epoca tutto maschile) sarà consegnato alla Santini il prossimo 29 aprile 2013 a Londra durante la cerimonia di premiazione dei World’s 50 Best Restaurants 2013. LEDIZIONE 2012Nadia Santini, succede a Elena Arzak dell’Arzak di San Sebastian in Spagna e Anne-Sophie Pic del Maison Pic in Francia, vincitrici del titolo rispettivamente nel 2011 e 2012.

NADIA L’AUTODIDATTA Nata a San Pietro Mussolino in Veneto, Nadia Santini studia scienze politiche all’Università degli Studi di Milano, dove incontra il futuro marito Antonio Santini. La coppia si sposa nel 1974 e decide di dedicarsi all’attività dei genitori di Antonio, una semplice osteria lungo il fiume Oglio nel mantovano. Nessuna scuola da chef, Nadia impara a cucinare i piatti tradizionali della cucina mantovana da autodidatta sotto l’attenta guida di Teresa e Bruna, rispettivamente nonna e madre di Antonio. Nel 1996 diventa la prima donna chef in Italia a guadagnare le tre stelle Michelin, titolo che il ristorante della famiglia Santini mantiene tuttora. Un ristorante che, nonostante il successo, continua ad essere un affare di famiglia con Bruna - ora 84enne - ancora in cucina e Antonio a sovrintendere la sala da pranzo.Una tradizione che si rinnva con le nuove generazioni, con il primogenito di Nadia e Antonio, Giovanni, che opera in cucina al fianco della madre e Alberto che lavora in sala con il padre.