Manager, è il momento di liberarti dallo stress da ufficio

È venerdì, è il momento di liberarti dallo stress. Il fine settimana si avvicina e devi essere in grado di godertelo appieno per tornare al lavoro nel migliore dei modi e con la carica giusta per affrontare scadenze e nuovi progetti. Ma come si fa a lasciar andare la preoccupazioni e ad abbandonare i pensieri sulla scrivania? Bisogna prepararsi per tempo. Un aiuto può arrivare dal decalogo dell'executive coach Amy Jen Su, stilato per l’Harvard Business Review  una lista di cinque cose da fare se si vuole gestire la propria energia in maniera più produttiva quando si è pieni di lavoro.

Venerdì, è il momento di liberarti dallo stress da ufficio

Imparare a liberarti dallo stress richiede molta pratica e un'applicazione costante. E allora ecco 5 consigli per imparare al meglio: 

Accetta la situazione

D'altronde non hai molta scelta, lottare contro gli eventi è controproducente. Accetta un un periodo lavorativo particolarmente intenso, sapendo che presto - prima o poi - i carichi diminuiranno e magari arriveranno le vacanze. Rifiutandosi di accettare la situazione si perde utile energia, che dovrebbe invece essere utilizzata per prendere consapevolezza delle cose e reagire.

Tieni d'occhio le emozioni

Tenere a bada le emozioni negative nei momenti di sconforto è fondamentale per rimanere focalizzati sugli obiettivi. Secondo David Rock, direttore del NeuroLeadership Institute e autore di Your Brain at Work , le emozioni non vanno represse o negate: bisogna analizzarle e definirle. I più grandi dirigenti d’azienda hanno in comune la capacità di restare calmi anche durante una forte sollecitazione del lobo limbico, il sistema di strutture cerebrali che regola l’emotività. Il trucco? Chiamare le emozioni con il loro nome - "preoccupazione, per esempio - le allevierà automaticamente.

Restare lucidi

L'ansia non permette di prendere decisioni corrette. Ma come tenerla sotto controllo? Ascoltando le proprie emozioni e anche evitando di sentirsi una vittima, di pensare che la situazione ci sia sfuggita di mano. Se si resta "sul pezzo", si sarà in grado di fare le scelte migliori per uscire più in fretta dal pantano.

Parlare con i colleghi e in famiglia 

Dialogare con i colleghi è utile per capire quando e in che modo è possibile rendersi più utili sul lavoro, ma anche informarli di eventuali difficoltà per chiedere aiuto. Nel frattempo, la famiglia deve essere a conoscenza di un momento intenso sul lavoro: sapranno che il tempo a loro disposizione è più limitato e ciò limiterà i sensi di colpa.

Pensare a se stessi

Quando gli impegni sono troppi, uno degli errori più comuni è smettere di pensare al proprio benessere per concentrarsi solo sul lavoro. Secondo Annie McKee, esperta di intelligenza emotiva, per affrontare davvero lo stress bisogna smettere di cercare di essere gli eroi della situazione e iniziare a prendersi cura di se stessi.