Smart working: sei mesi gratis alle Isole Canarie

Le Isole Canarie sono alla ricerca del candidato perfetto a cui proporre sei mesi di soggiorno gratuito per lavorare da remoto nella spettacolare cornice dell’arcipelago spagnolo. Parte oggi, mercoledì 12 maggio, la campagna internazionale “Il miglior clima del mondo cerca un remote worker”: un contest che rimarrà aperto fino al 9 giugno, mentre il vincitore o la vincitrice sarà annunciato il 30 giugno. 

Per partecipare, basta condividere sui social una propria presentazione video in inglese o spagnolo in cui si risponde alla domanda “Che cosa fai e quale beneficio otterresti lavorando dalle Isole Canarie”, taggando l’account delle Isole Canarie (presente su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram e Youtube) e usando l’hashtag #RemoteWorkerWanted.

Una giuria composta da cinque membri, tra cui esperti di telelavoro e professionisti di marketing turistico, selezionerà la candidatura vincitrice. Tutte le informazioni e maggiori dettagli sulla campagna sono disponibili su remoteworkerwanted.com

Le Isole Canarie copriranno tutte le spese di viaggio e le spese per l’accesso ai servizi di co-living e co-working, oltre a tutte le attività complementari, di una persona per un periodo massimo di sei mesi.

Tutti i candidati avranno accesso esclusivo alla Remote Talent Directory, strumento che mette in contatto freelance o smart worker con professionisti e aziende delle Isole Canarie per sviluppare collaborazioni a distanza e creare un fitto network di relazioni a livello europeo.

Questa iniziativa è parte di una strategia più ampia delle Isole Canarie, che puntano ad aumentare la presenza di lavoratori da remoto dall’arcipelago, ossia di chi voglia raggiungere questa location non soltanto per una vacanza, ma anche per lavorare “vista mare”. Le Isole Canarie per molti possono diventare l’ufficio con il miglior clima del mondo.

Smart working in posti da sogno: l'approfondimento di Business People 

La pandemia ha spinto molti a spostarsi per lavorare in luoghi turistici e questa tendenza non si fermerà con l’arretrare del virus. La società di consulenza McKinsey stima che oltre il 20% della forza lavoro dei Paesi sviluppati continuerà a lavorare da casa dai tre ai cinque giorni alla settimana, quasi quattro volte di più rispetto il periodo pre-Covid. Su Business People di maggio, in edicola, vi presentiamo alcune delle più suggestive proposte offerte da agenzie e tour operator per una  "vacanza di lavoro" ideale. Clicca qui per leggere la rivista.