secondo colloquio

Si torna al lavoro e sei pronto a rimetterti sul mercato. Anzi, quel colloquio che avevi svolto prima della pausa agostana è andato bene e sei stato richiamato. Il tuo profilo ha colpito il selezionatore, ma sei solo al primo passo verso un contratto. Ci sono delle differenze da sottolineare tra il sostenere un incontro preliminare con un selezionatore e prender parte ad un secondo colloquio colloquio in azienda. Vediamole nel dettaglio, raccontate da Hays Response, l’agenzia per il lavoro di 1° livello specializzata nel ricercare e selezionare in modo veloce ed efficiente i migliori professionisti.

COME COMPORTARTI AL SECONDO COLLOQUIO DI LAVORO

Dopo la scrematura del dipartimento Risorse umane, ora dovrai vedertela con una figura senior che darà il parere più importante sul tuo futuro. Sarà utile avere tutte le informazioni relative alla persona che incontrerai: potrai così studiarne il profilo su LinkedIn o attraverso il sito aziendale. Se scoverai un interesse comune, avrai l'occasione per intrattenere una conversazione più rilassate e in sintonia. 

Non credere che lo schema seguito per questo secondo colloquio sarà lo stesso del precedente. Potrai incontrare una sola persona oppure più interlocutori nello stesso giorno. Cerca di sapere dal tuo referente quante persone dovrai incontrare e quale sarà la struttura del colloquio. Se avrai a che fare con più persone, preparati per bene. Non farti intimorire da questa idea, cerca qualche articolo online che spieghi come esercitarsi a comunicare fiducia alle persone con cui ci si relaziona. Potresti provare a parlare davanti ad amici o parenti.  Il giorno del colloquio ricorda di interagire con chiunque incontrerai nella sala colloquio e non solo con le persone che ti porranno più domande. 

COSA VALUTA IL SELEZIONATORE?

La principale differenza tra il primo ed il secondo colloquio sta negli obiettivi che si è posto il tuo interlocutore, ossia scoprire quali siano i tuoi punti di forza e comprendere se tu possa davvero essere la persona che ricercano. Ecco di seguito le informazioni principali che un selezionatore cerca di appurare in un secondo incontro:

1. Il tuo livello di interesse per il ruolo e l’azienda

Una cosa che vuole determinare è se tu sia ancor fortemente interessato a questa opportunità di lavoro e illustrati più dettagli sul ruolo. Il tuo livello di entusiasmo è direttamente correlato a come reagirai quando ti offriranno il posto e a quanto starai in azienda, per cui se sei ancora appassionato, assicurati che questo emerga. 

Stai pronto ad esprimere cosa ti è piaciuto di più in merito alla realtà aziendale che ti è stata illustrata durante il primo colloquio. Inoltre utilizza questa occasione per formulare qualsiasi domanda che hai tenuto in mente dall’ultima volta che sei uscito da quell’azienda.

2. Ha tutti i requisiti necessari?

Durante il primo colloquio, il selezionatore ti avrà chiesto informazioni circa i tuoi obiettivi di carriera, le tue competenze più rilevanti, così da capire meglio se il tuo profilo fosse davvero allineato con la persona che stanno ricercando. Ti verrà richiesto di illustrare meglio nei dettagli ciò di cui ti occupi, magari anche attraverso prove tecniche e/o teoriche, facendoti anche domande del tipo: “Descrivimi una occasione in cui hai dimostrato questa capacità” oppure “Come ti comporteresti in questa particolare situazione?”. 

Preparati a dover affrontare un colloquio in cui saranno ben analizzate tutte le tue conoscenze e capacità, oltre che approfonditi i requisiti del profilo che l’azienda ha necessità di inserire al suo interno. Potresti anche ricevere da parte del tuo interlocutore la richiesta di consegnargli un esempio concreto (un progetto/lavoro pratico) o una presentazione per dimostrare alcune tue particolari competenze dichiarate.

3. Sei tu la persona giusta?

Una buona parte del secondo colloquio sarà dedicata a comprendere se potresti inserirti bene nell’azienda in termini di cultura aziendale e personalità. Potrebbero anche farti fare un tour degli uffici in questa fase, per essere presentato ai tuoi potenziali colleghi. Ti faranno anche domande legate ai tuoi hobby ed interessi, cercando di capire come ti descrivono gli amici o in quale contesto lavorativo preferisci muoverti. 

Mentre rispondi a tutte queste domande, è importante rimanere onesti e autentici: dopotutto, questo secondo incontro è la tua occasione per comprendere davvero se anche per te andrebbe bene lavorare in questo tipo di azienda. Avendo questo ben in mente, preparati qualche domanda da porre al selezionatore verso la fine del colloquio, riguardanti la vita in azienda e mostrando vivo interesse ad entrarne a far parte al più presto. Ad esempio: “Come descrivereste il team di questa azienda?” oppure “Quale è il tuo/vostro aspetto preferito nel lavorare in questo contesto aziendale?”.

4. Sciogliere ogni dubbio del selezionatore

Il selezionatore userà certamente questo secondo incontro anche per sciogliere alcuni dubbi che potrebbero essergli sorti durante il primo colloquio. Come quindi comprendere quali possano essere?

Rispondi accuratamente a quelle stesse domande che ti verranno poste più volte, ma formulando le tue frasi in modo diverso. Questa ripetizione potrebbe rispecchiare che stanno cercando di analizzarti su un determinato aspetto un po’ poco chiaro ai loro occhi. C’è qualche domanda a cui fatichi a rispondere? Chiedi semplicemente all’interlocutore di avere un chiarimento a riguardo.

E come superare lo scoglio di aree o competenze richieste per quel tipo di lavoro che però tu non conosci o non possiedi? Considera la possibilità di apprenderle da solo più avanti nel tempo, se ora non ne hai la possibilità nell’immediato. Puoi anche dichiarare di non aver alcuna difficoltà ad apprendere facilmente e velocemente quelle nuove competenze necessarie a progredire nella tua carriera, dando esempi concreti di altre occasioni in cui sei riuscito ad adattarti a nuove circostanze con successo.

5. La tua disponibilità e la tua retribuzione

Da ultimo, il secondo colloquio è spesso lo step durante il quale il selezionatore richiederà informazioni sul tuo periodo di preavviso, sul tuo pacchetto retributivo e sulle tue aspettative in termini economici. Se hai dei dubbi su come affrontare questa parte di negoziazione, puoi leggere la nostra Hays Salary Guide per capire quali siano i parametri di riferimento del tuo settore e l’andamento del mercato di riferimento.

Quali sono i prossimi passi?

Alla fine del secondo colloquio, il selezionatore ti dirà quali saranno i passi successivi da affrontare, ma se non sarà così puoi richiederlo tu. Ricordati di ringraziare chiunque tu abbia incontrato per il tempo che ti hanno dedicato, ed invia una email di follow-up per ribadire loro che sei stato molto contento di come si è svolto il meeting e che tu sei ancora molto interessato a ricoprire quel determinato ruolo.

Per sfruttare al meglio una seconda occasione di colloquio, puoi preparati al meglio prima dell’incontro, elargire ogni informazioni utile per far comprendere meglio il tuo profilo e da ultimo cercare di far loro capire perché dovrebbero preferire te in mezzo a tanti altri candidati