© www.iStockPhoto.com/Nicholas Monu

Se il dibattito politico sul mondo del lavoro è giustamente incentrato su chi un impiego l’ha perso o non riesce a trovarlo, anche la vita di chi un posto fisso ce l’ha è senz’altro più difficile in questo momento di crisi. Tra atmosfere pesanti in ufficio e riunioni deprimenti dove al primo posto dell’ordine del giorno compare puntualmente la voce “tagli”, tensioni tra colleghi e reparti non possono che aumentare. E se trovare un contesto dove liberarsi dalle negatività è importante sempre, diventa fondamentale nei momenti decisivi di un gruppo di lavoro: quando si crea una nuova divisione aziendale, quando ci sono ingressi, partnership, prodotti da lanciare, strategie da mettere a punto. Se il frangente è cruciale, anche la location può fare la differenza. Per questo molte aziende decidono di trovarsi in luoghi lontani – fisicamente e concettualmente – dalla solita sala riunioni. Luoghi che invitano al relax, allo svago, alla cura del sé. Stiamo parlando, ovviamente, delle terme. «Un setting particolare come una spa ha diverse ricadute positive sui meccanismi relazionali tra colleghi», spiega Vincenzo Russo, professore di psicologia delle organizzazioni e del lavoro all’Università Iulm. «Una riunione organizzata nella sala relax di una Spa, tra una sauna e un massaggio, rende l’atmosfera decisamente più informale, permettendo alle idee di circolare meglio e alle gerarchie interne all’azienda di ammorbidirsi. Il momento ideale per questo tipo di eventi è quello del team building. In un contesto simil-vacanziero è normale che tra colleghi si crei maggiore affiatamento, un capitale umano a tutto vantaggio dell’azienda, che si trova nella situazione perfetta per mandare un messaggio ai propri collaboratori siglando un vero e proprio “contratto psicologico”. È un modo per dire loro: “Ho a cuore il vostro benessere, oltre che le vostre capacità”. E da parte dei dipendenti questa scelta è percepita come un benefit e quindi non può che migliorare la loro disposizione verso le decisioni dei vertici. Sta poi alla capacità del “conduttore” del meeting» continua il prof. Russo «valorizzare un setting destrutturato, che è e resta comunque una variabile tra le tante in gioco. Un contesto inusuale e piacevole non basta a migliorare un clima teso, ma è sicuramente un elemento che, se associato a una certa sensibilità da parte dei centri decisionali, può alleggerire le relazioni e ottimizzare le performance aziendali».

ATOMIC SPA SUISSE – Relax in città
«Per noi si tratta di un settore in crescita da un anno a questa parte», assicura Luca Mazzanti, a.d. di Spa Suisse Italia e Svizzera, azienda che gestisce tra le altre, anche l’Atomic, spazio termale dell’Hotel Boscolo, in Corso Matteotti, a pochi metri da piazza San Babila. L’Atomic è una vera urban spa, dal design lineare e contemporaneo, dove il bianco rappresenta il mood dominante insieme al luminosissimo acciaio, che torna come un leit motiv ad adornare le superfici. «Spesso ospitiamo conferenze stampa», continua Mozzanti, «ma l’Atomic viene scelta anche dai product manager che presentano ai loro colleghi i nuovi prodotti, o dai creativi che decidono di organizzare nei nostri spazi i loro brainstorming. Questo implica l’organizzazione di vari tipi di evento, che possono coinvolgere indifferentemente cinque persone come 25. Una soluzione per chi ha poco tempo e non vuole spendere cifre importanti (il costo indicativo di questi servizi è tra i 500 e i 2.500 euro) è quella dei meeting brevi dopo l’orario d’ufficio: in accappatoio, con la possibilità di usare il percorso termale, ci si spoglia anche dei cliché ed è più facile “andare al sodo” delle questioni. Per chi invece prenota anche dei trattamenti per i propri collaboratori, vanno per la maggiore i massaggi cervicali e rilassanti in cabina singola. Alle riunioni one-to-one invece è riservata la cabina con due lettini e, vi assicuro», conclude, «che l’atmosfera si distende notevolmente mentre un paio di mani sapienti si prendono cura di contratture e dolorini, originati il più delle volte proprio dallo stress lavorativo».
TERME DI SATURNIA SPA&GOLF RESORT – Meeting in salsa toscana
Dici Saturnia e pensi terme. Tra le proposte della struttura non poteva mancare il comparto “meeting and congress” che Enrico Papini, reservations and revenue manager di Terme di Saturnia Spa&Golf Resort, definisce «un nostro cavallo di battaglia, specialmente per quanto riguarda il training aziendale, dove alla formazione svolta nella learning lodge, si alternano bagni e trattamenti. Il nostro scopo è quello di creare un’esperienza indimenticabile. Ho notato come la formazione in un ambiente rilassante funziona meglio, le persone sono più aperte e ricettive. Sono eventi mediamente costosi (un pacchetto da due pernottamenti, vitto e un trattamento costa 500-600 euro a persona), e le aziende disposte a fare questo investimento non sono molte. La nostra forza sta anche nel rapporto informale con i clienti, complice anche la cucina eccellente».
Stefano Bestetti, consigliere Hedge Invest - «L’atmosfera è ideale per la socializzazione», racconta il consigliere di amministrazione della società di gestione del risparmio, «sia intorno alla sorgente termale, sia sfruttando le aree per le attività sportive. Basta spostarsi di poche ore per creare uno stacco con la routine quotidiana a tutto vantaggio delle relazioni tra colleghi. Infatti i feedback dei partecipanti sono stati positivi. Dopotutto, non ci si annoia mai di essere coccolati e viziati».
RELILAX HOTEL TERME MIRAMONTI – Coccole ad hoc per businessmen stressati
«Circa il 20% della nostra clientela è costituito dal segmento “business” e nonostante il momento economicamente difficile, questo settore è in crescita», racconta Consuelo Braggion, titolare, insieme alla famiglia, del Relilax Hotel Terme Miramonti, «complice sicuramente una diversa sensibilità da parte di vertici e datori di lavoro, più attenti al vero benessere dei propri collaboratori. I trattamenti più gettonati da parte di questa clientela sono quelli improntati al relax totale. I pacchetti business sono personalizzati, ma di solito comprendono il “rituale terme relilax”, un percorso di 45 minuti in quattro step: uno scrub, un massaggio con i fanghi termali naturali, immersione e doccia purificante e per finire un altro massaggio eseguito con essenze di muschio bianco». Inoltre, da un’idea della stessa Consuelo, è stato introdotto lo speciale massaggio “liberamente”: una coccola lunga 50 minuti dove il trattamento si concentra esclusivamente nelle zone spesso afflitte da dolori cervicali, ovvero testa, spalle, trapezio. Le Terme di Relilax propongono anche un trattamento viso “per lui” agli estratti energizzanti di ginger e lime, fragranze fresche e maschili.
Lorenzo Sinico, titolare Frauflex - «Ho scelto le terme di Relilax per un piccolo evento», spiega il titolare dell’azienda produttrice di materassi e letti imbottiti. «Eravamo in sei, era una riunione strategica tra proprietà, amministrazione e responsabile marketing. Conoscevo la struttura, anche grazie al passaparola, e ho deciso di portarci i vertici aziendali perché sono convinto che un contesto rilassante aiuti a “ragionare meglio”. Tra un trattamento e un bagno in piscina le tensioni si stemperano, gli animi diventano più disponibili. Nel mio caso ha funzionato».

HOTEL CRISTALLO – Team building a Cortina
Puro lusso, è questa la filosofia dell’Hotel Cristallo, modus pensandi che si traduce anche nell’offerta relativa al segmento affari, come spiega il direttore Giorgio Borgonovo: «Il Cristallo viene scelto per l’esclusività, per l’attenzione alla qualità e alla cura dei dettagli e dei sevizi. Per diverse stagioni abbiamo creato dei pacchetti, ma solitamente le richieste che pervengono a un albergo 5 stelle sono sempre personalizzate». Qui è possibile organizzare riunioni private, destinate ai top manager, o per l’intero staff. Per grandi eventi l’ideale è la sala Gustavo III, con il suo parquet Versailles e l’elegante soffitto a cassettoni, che può ospitare fino a cento persone. La sala Goethe si presta invece a occasioni d’incontro all’insegna della privacy, con una capienza massima di 15 persone. Il benessere vero e proprio è relegato nella Wet Area dell’hotel, dove gli ospiti possono approfittare di uno dei nuovissimi rituali di benessere e dei trattamenti di bellezza del Transvital Beauty Center, tutti firmati dal brand cosmetico svizzero.