consumi ripresa

Fermi tutti, è presto per festeggiare anche se persino Moody's ha rivisto al rialzo le previsioni di crescita del Pil. Ed è presto per esultare anche per la ripresa del mercato interno, anche se i dati sui consumi di Nielsen fanno sorridere. Il Growth Report  dell'istituto — indagine che prende in esame l’andamento delle vendite dei beni di largo consumo nella grande distribuzione di 21 Paesi europei — racconta che nel secondo trimestre di quest'anno il valore delle vendite del largo consumo in Italia è aumentato del 4%. E questa volta «battiamo» i concorrenti europei: Francia (+3.2%), Regno Unito (+2,9%), Spagna (+2,9%) e Germania (+2,3%).

ADESSO PARE AUMENTANO ANCHE I CONSUMI

Certo, è solo un segnale. Ma è un buon segnale sulla vivacità della domanda interna. Anche perché nel +4% messo a segno dall’Italia convergono da una parte l'aumento dei prezzi dello 0,9%, ma anche di una crescita delle quantità vendute del 3,1%. Gli italiani hanno continuato a fare acquisti nonostante il ritocco al rialzo dei listini, come già avevano anticipato i dati Istat. Ma non stappate ancora lo champagne. Anzi, lo spumante.