© Getty Images

In principio furono le bici, poi vennero le auto. Ora tocca agli scooter. Punta sempre più decisamente sulla sharing economy il Comune di Milano che vuole arrivare all’appuntamento con Expo 2015 con un nuovo servizio di scooter sharing, in modo da completare la propria offerta di mezzi in condivisione.

Entro fine anno l’amministrazione meneghina pubblicherà un bando con le caratteristiche e le regole di ingaggio. A spingere il Milano a compiere questo passo ha contribuito anche, secondo il quotidiano la Repubblica che riporta la notizia nelle pagine milanesi dell’edizione odierna, una proposta inviata per lettera da un operatore internazionale del settore.

Il modello di business dovrebbe essere quello già sperimentato con successo per il car sharing che ha visto il Comune aprire al mercato e oggi vede la presenza di tre operatori privati, Car2go, E-Vai e Twist, e di due soggetti pubblici, GuidaMi e E-Vai“.