Gdf Suez ed E.On sono pronte a partecipare al ritorno italiano all’energia nucleare. Rappresentano la seconda cordata di imprese interessata a investire dopo l’alleanza di Enel-Edf. Confindustria ha accolto con entusiasmo l’annuncio di un loro accordo per studiare le prospettive di sviluppo del mercato tricolore in cooperazione con le aziende e le autorità locali e nazionali. Le due compagnie sono azioniste di 30 centrali nucleari in Germania, Belgio, Francia e Svezia, E.On ne gestisce direttamente nove e Gdf Suez, sette.