Warren Buffett punta sul real estate italiano: occhi sul Lago di Como

Warren Buffet

Lago di Como, Sardegna e Toscana. Sono queste le tre aree su cui il miliardario Warren Buffet avrebbe puntato gli occhi per crescere nel mercato delle case di lusso. Sbarcata in Italia due anni fa in partnership con Maggi Properties, la Berkshire Hathaway HomeServices – ramo real estate dell’omonima holding del celebre tycoon statunitense – starebbe ora puntando sulle aree di maggior interesse per il pubblico italiano e internazionale.

“Vogliamo crescere in Italia attraverso la partnership con agenzie immobiliari leader nelle loro aree di influenza”, conferma Marcus Benussi, Managing Partner and General Counsel di Berkshire Hathaway HomeServices – Maggi Properties. “L'obiettivo del gruppo è espandersi attraverso operazioni significative di valore e posizionamento strategico nel settore immobiliare e noi siamo lo strumento per  continuare l’espansione del network globale”.

Il mercato del real estate in Italia

La sostanziale stagnazione del Paese non sembra avere scalfito, soprattutto in aree di pregio come i Laghi, la propensione all'investimento delle famiglie italiane e straniere. Le prime sono favorite oggi da condizioni straordinariamente favorevoli dei tassi d'interesse, mentre le seconde approdano sul mercato, in quasi tutti i casi, dotati della liquidità necessaria.

Le compravendite di immobili di pregio sui Laghi sono rappresentate per l’80% da compratori stranieri e le transazioni immobiliari sono aumentate del 10%; secondo i dati Confcommercio, la spesa media per una villa è di circa 2 milioni di euro, che si triplica per una villa vista lago con accesso diretto. “Attualmente il mercato ha notato una netta ripresa nella ricerca di immobili di lusso, il cui valore tende a rimanere immutato nel corso del tempo, e in alcuni casi potrebbe anche salire”, commenta Cesare Maggi, Ceo di Berkshire Hathaway HomeServices – Maggi Properties. “Siamo di fronte a una richiesta più alta dell’offerta, e non solo da clienti italiani ma anche internazionali, tra i quali Regno Unito, Stati Uniti, Francia e Germania, che continuano a guardare con particolare interesse al mercato italiano, sia come scelta di stabilità permanente che per investimento con opportunità di reddito”.