Un’anteprima su Business People di settembre

Elogio del cambiamento. Anzi, dell’evoluzione. Si potrebbe riassumere così la cover story del numero di settembre di Business People  (già disponibile in versione digitale e in edicola dal 30 agosto): in queste pagine, infatti, Stefano Filippazzi, Managing Director per l’Italia di GHD, marchio leader nell’hairstyling nel segmento fashion di alta gamma, racconta come la coraggiosa scelta della sua società di ampliare il proprio business si sia rivelata un grande successo e perché. Ma si affrontano anche argomenti di interesse più generale come gli strumenti decisivi per l’affermazione di un prodotto, il mondo digital e degli influencer, il post pandemia e le incognite dell’attualità. 

SCARICA LA RIVISTA SU APP STORE - GOOGLE PLAY

A proposito di attualità, seguono due approfondimenti su temi fondamentali per il futuro dell’economia italiana, quali il lavoro e la produttività, e un focus sulle cosiddette terre rare, 17 elementi della famiglia dei metalli indispensabili in diversi campi industriali, ma estremamente complessi da estrarre e lavorare. Sul tema del cambiamento, invece, si torna in chiave management: abbiamo chiesto a quattro Ceo italiani – Roberto Bez (Micron Italia), Daniele Contini (Just Eat Italia), Enrico Galazzo (Peroni) e Gianmatteo Manghi (Cisco Italia) – di raccontarci la persona, il libro o l’evento che hanno dato una svolta alla loro carriera.

Protagonisti delle nostre interviste sono, questo mese, Giovanni Brianza, scelto per guidare Edison Next – nuova società del gruppo nata per accompagnare clienti e territori nel percorso di transizione ecologica e decarbonizzazione – e Andrea Iervolino, Ceo della società di produzione Ilbe

Da non perdere anche le pagine dedicate al tempo libero, che si aprono con una riflessione semiseria su come si sia evoluto lo stile maschile, un tempo fortemente legato al duo giacca e cravatta nei colori di rito, oggi decisamente più aperto alle sperimentazioni. Se amate i motori rifatevi gli occhi sulle bellissime (benché da molti ritenute “politicamente scorrette”) supersportive che rombano nell’articolo sui motori. E per finire non mancano, ovviamente, le abituali rubriche su arte, beauty, viaggi, design, orologi, tecnologia, enogastronomia, spettacoli e libri. Buona lettura!