Tim: Pietro Labriola nuovo amministratore delegato

Il Consiglio di amministrazione di Tim ha cooptato e nominato all’unanimità con effetto immediato, Pietro Labriola nuovo amministratore delegato del Gruppo. Labriola, che manterrà anche l’incarico di direttore generale conferitogli lo scorso 26 novembre, rimetterà invece agli organi sociali della controllata in Brasile Tim SA il mandato di consigliere di amministrazione e di Ceo che deteneva.
Il manager, esperto delle telecomunicazioni a livello internazionale, è entrato in Tim nel 2001, con un bagaglio di conoscenze già solido per le esperienze in France Telecom, Cable&Wireless, Boston Consulting Group e Infostrada. In più di 20 anni ha contribuito in misura determinante alla crescita del Gruppo. In Italia è stato artefice della nascita di nuovi servizi e offerte per la telefonia fissa, mobile e per l’ICT, tra cui quelli per professionisti e imprese, e affrontato in prima linea i temi legati alla trasformazione del business. In seguito è voltao in Brasile, dove ha guidato Tim dal 2015 come COO e poi dal 2019 come amministratore delegato, e ne ha trainato la crescita consolidando il percorso di sviluppo con l’acquisizione di Oi e delle licenze 5G.

“La nomina di Pietro Labriola ad Amministratore Delegato del Gruppo Tim è per me e per l’intero Consiglio motivo di grande soddisfazione”, ha commentato Salvatore Rossi, presidente di Tim. “Grazie alla competenza e all’attenzione ai risultati che lo caratterizzano, il nuovo Ceo saprà accompagnare Tim nel suo percorso di sviluppo, valorizzando il ruolo decisivo che il nostro Gruppo deve avere nella crescita economica, digitale e sociale del Paese”. 

“Sono molto onorato di assumere questo incarico, essendo legato all’Azienda da oltre 20 anni”, ha dichiarato Pietro Labriola, amministratore delegato e direttore generale del Gruppo. “Il mio obiettivo è far esprimere all’intero Gruppo il suo potenziale, valorizzando gli asset nell’interesse di tutti gli azionisti. Le sfide e le opportunità che abbiamo davanti richiedono coesione da parte di tutti gli stakeholder. Sono grato per la fiducia che il Consiglio mi sta dando. Ringrazio i colleghi brasiliani per i risultati brillanti che abbiamo raggiunto insieme e i colleghi italiani per quello che faremo”.