© Dean Mouhtaropoulos/Getty Images

Miguel Angel Jimenez bacia il trofeo dell’Open de Espana 2014

Miguel Angel Jimenez allunga il suo record di vittorie, dopo avere stabilito quello di “più anziano” vincitore sull’European Tour di golf lo scorso dicembre all’Hong Kong Open all’età di 49 anni e 337 giorni, ha spostato l’asticella del record a 50 anni e 133 giorni con la vittoria all’Open de Espana 2014.

Miguel Angel Jimenez ha vinto l’Open de Espana 2014 al playoff contro l’australiano Richard Green e il belga Thomas Pieters, alla prima buca di spareggio. Una sola buca, il par quattro della 18, dove il teeshot dei tre protagonisti è stato in rough e il solo Jimenez ha giocato il secondo colpo in green e ottenuto il par della buca e con questo la vittoria del torneo, la prima volta all’Open de Espana, la 25esima in carriera da professionista.

Il punteggio del vincitore è stato di 284 colpi, quattro sotto il par, Miguel Angel Jimenez ha giocato 69:73:69:73, Richard Green 74:69:69:72, Thomas Pieters 69:69:71:75.

In quarta posizione si è piazzato l’olandese Joost Luiten con 285 colpi, 70:69:74:72, e al quinto posto con 286 colpi il tedesco Maximilian Kieffer (75:69:69:73), e lo scozzese Richie Ramsay (69:72:71:74).

Francesco Molinari è il primo degli italiani nella classifica finale dell’Open de Espana 2014, ventiquattresimo posto, 290 colpi, due sopra il par, 73:67:75:75.

Con 291 colpi, 28esima posizione di classifica, Matteo Manassero (74:71:74:72) e Andrea Pavan (74:72:71:74).

Edoardo Molinari ha concluso con la 38esima posizione, 292 colpi, 73:72:75:72.

Il giovanissimo Amator (diciassette anni) Renato Paratore è arrivato 57esimo, 295 colpi, 72:75:73:75.

Marco Crespi e l’Amator Guido Migliozzi non hanno passato il taglio.