© JEWEL SAMAD/AFP/Getty Images

Bubba Watson e il figlio Caleb

Il giorno che precede il Masters è dedicato alla gara del par 3 contest, un'occasione di divertimento per tutti i golfisti, per le loro famiglie e per gli accompagnatori. Si gioca su nove buche, tutte par 3 ed è obbligo che i caddie siano le mogli, i figli, i nipoti, le fidanzate, gli amici che hanno accompagnato il giocatore ad Augusta. E' un modo per allentare la tensione dall'importante gara, per avvicinare i giocatori al pubblico in modo molto umano con i bambini che corrono per i green, con i gesti di tenerezza per i piccoli, per le mogli e le fidanzate, per gli amici al proprio fianco. La photogallery

Il par 3 contest è un evento molto amato dal pubblico e trasmesso dalle televisioni al pari del Masters, è una tradizione che si celebra il mercoledi che precede il Masters, dal 1960. In realtà è una piacevole passeggiata, vincere non è importante, anzi c'è una certa scaramanzia a riguardo perché nella storia il vincitore del par 3 contest non ha mai vinto il Masters nello stesso anno, all'insegna dello svago e della famiglia è permesso far giocare qualche colpo al proprio caddie per divertirsi tutti insieme, il regolamento formale però esclude dalla vittoria i giocatori che permettono al caddie di giocare.

L'edizione 2013 del par 3 contest del Masters di Augusta è stata vinta da Ted Potter Jr (score di -4) al playoff con Phil Mickelson, Ernie Els, Nick Watney e Matt Kuchar.