©GettyImages

Simon Dyson

Nessun errore e ben sei birdie, per Lorenzo Gagli l’ultimo giro dell’Irish Open, giocato nel week end sul Killarney Golf & Fishing Club è stato perfetto. 18 buche chiuse in 65 colpi, per una performance che non solo ha segnato il record di giornata, ma che ha permesso al 26enne fiorentino di chiudere il torneo in 275 colpi (68 69 73 65), ben 9 sotto il par del campo, per l’ottava posizione finale. Un ottimo risultato per Lorenzo che, grazie ai 33mila e 700 euro guadagnati, entra, per la prima volta, tra i primi 60 (58esimo) classificati dell’ordine di merito, ossia tra coloro che avranno diritto a fine anno a partecipare al Dubai World Championsip. Ricchissimo torneo al quale senza dubbio parteciperà Simon Dyson, fresco vincitore del torneo irlandese. L’inglese, nono nell’ordine di merito, a Killaney si è imposto con 269 colpi (70 65 67 67), 15 sotto par, conquistando una vittoria che qualche buca prima sembrava destinata a Richard Green. L’australiano, arrivato alla buca 16 in vantaggio di un colpo, ha mancato un putt per l’eagle, si è quindi fatto raggiungere alla buca successiva (segnando un par mentre Dyson metteva a segno un birdie) e superare di misura proprio all’ultima buca, terminando con 270 colpi (67 68 67 68), in seconda posizione. Al terzo posto con 272 (-12) lo scozzese Stephen Gallacher, al quarto con 273 (-11) l’austriaco Bernd Wiesberger, al quinto con 274 (-10) lo spagnolo Ignacio Garrido. Delusione per gli irlandesi Graeme McDowellm e Rory McIlroy, che hanno chiuso il torneo non proprio tra i primi, rispettivamente 25esimo e 34esimo.