Francesco Molinari © GettyImages

Francesco Molinari

Per Francesco Molinari, per i suoi tifosi e per tutti gli appassionati del golf italiano, è stata una delusione perdere al playoff l’Asset Management Scottish Open 2012 perché Francesco aveva avuto la possibilità di vincere senza andare al playoff. Ma un secondo posto per due settimane consecutive è un ottimo risultato per il giocatore torinese. In poco più di due mesi Francesco Molinari ha vinto il Reale Seguros Open de Espana, si è piazzato al settimo posto al BMW PGA Championship, in decima posizione al The Irish Open, secondo all’Alstom Open de France e secondo posto ieri allo Scottish Open. Sempre in questo periodo ha anche giocato l’US Open Championship, con il 29° posto in classifica, e in tutte le gare giocate nel 2012 sull’European Tour ha sempre passato il taglio.

Con questi risultati Francesco sale al secondo posto nella Race to Dubai (dietro a Justine Rose e davanti a Rory McIlroy e Lee Westwood), è al quarto posto nella classifica europea per la Ryder Cup, e raggiunge il 22° posto nella OWGR (Official World Golf Ranking), era 41° alla fine del 2011.

E’ un periodo di forma splendida, Francesco da tee a green gioca un golf eccezionale e stilisticamente perfetto, e infatti tutti gli appassionati inglesi sono fan di Francesco, poi con il putter in mano qualche colpo lo lascia, tanto che le sue statistiche lo accreditano nel 2012 di 30.43 colpi a giro.

Ma non c’è il tempo per rilassarsi e godere della seconda posizione nella Race to Dubai, Francesco è in viaggio, dalla Scozia all’Inghilterra per raggiungere il Royal Lytham & Saint Annes Golf Club dove da giovedi 19 luglio si gioca The 141st Open Championship.