Huawei Pay in Italia con Bancomat e Intesa Sanpaolo

Pier Giorgio Furcas, Deputy General Manager Huawei Consumer Business Group Italia (© Valerio Pardi)

Arriva in Italia Huawei Pay, il servizio di pagamento della multinazionale cinese tra i protagonisti del mercato dell’elettronica di consumo, che permetterà di utilizzare lo smartphone Huawei per effettuare pagamenti contactless nei negozi abilitati. Il servizio, disponibile sulla piattaforma proprietaria AppGallery – 12 mila app a disposizione di oltre 6,3 milioni di utenti mensili ogni mese – è stato reso possibile grazie alla partnership che Huawei ha siglato con Intesa Sanpaolo e Bancomat Spa.

Il nuovo servizio di pagamento rappresenta una novità per il mercato italiano anche in funzione della nuova modalità di digitalizzazione della carta prevista. Con Huawei Pay, Bancomat avvia, infatti, la prima soluzione in Europa di enrollment  della carta PagoBancomat via Nfc. Per tutti i titolari di carte PagoBancomat emesse da Intesa Sanpaolo sarà infatti possibile avviare la digitalizzazione delle carte nel wallet  avvicinando semplicemente la propria carta al dispositivo Huawei, che leggerà automaticamente i dati garantendo al contempo massima praticità e totale sicurezza. 

Le modalità di utilizzo in fase di pagamento prevedono pochi passaggi, semplici e intuitivi. Appoggiando lo smartphone Huawei al Pos è possibile attivare la transazione tramite il tasto Paga e, nel caso in cui lo schermo del device sia bloccato, è sufficiente cliccare il doppio tasto laterale e autorizzare con il riconoscimento dell’impronta digitale. 

“L’annuncio della disponibilità di Huawei Pay segna un momento importante sia per l’azienda, che conferma l’impegno costante per ampliare l’offerta di AppGallery, sia per gli utenti Huawei che da oggi hanno a disposizione un ulteriore servizio mobile che li agevola nella vita di tutti i giorni, semplicemente con uno smartphone”, ha dichiarato Pier Giorgio Furcas, Deputy General Manager Huawei Consumer Business Group Italia. “Siamo molto soddisfatti della collaborazione che abbiamo portato avanti con Intesa Sanpaolo e Bancomat per ottenere un risultato concreto in tema di innovazione e trasformazione digitale. Attivo per la prima volta in Italia, prevediamo che in futuro si potrà estendere agli altri paesi europei”.