“Nelle ultime 54 ore ho fondato una startup, tu cosa hai fatto lo scorso weekend?”. La scritta che campeggia su una maglietta si riferisce agli Start Up Weekend, happening tecnologici itineranti che riuniscono programmatori, sviluppatori, designer e uomini di marketing, tutti con l’obiettivo di individuare un’idea di business e metterla in piedi. In 54 ore, appunto.

Proprio in queste ore, se ne sta svolgendo uno a Catania, nei pressi della Città della Scienza e un altro a Pavia, al Polo tecnologico. Ma eventi del genere si tengono in quasi ogni città, non solo in Italia. Ormai sono oltre 150 i Paesi che hanno visto alcuni dei loro migliori giovani talenti informatici e imprenditoriali riunirsi con l’idea di creare una nuova impresa in ambito tecnologico, per un totale di oltre 3.000 meeting.

Start Up Weekend, una storia cominciata dieci anni fa

La storia degli Start Up Weekend ha inizio nel 2007, da un’idea di Andrew Hyde, cresciuto in TechStars, un network nato in Colorado con l’obiettivo di aiutare gli imprenditori che hanno un’idea vincente a realizzarla e a farne un business. Lo stesso obiettivo che hanno coloro che partecipano a queste maratone. Lui ha avuto l’idea di creare eventi della durata di tre giorni in cui persone con diversi background ed expertise potessero lavorare gomito a gomito per realizzare una sola idea.

Il calendario dei prossimi appuntamenti è abbastanza fitto. Per stare solo in Italia, sono previsti altri Start Up Weekend a Roma (dal 10 al 12 novembre), a Messina (24-26 novembre) e a Potenza (1-3 dicembre).

Per conoscere il calendario completo visita il sito startupweekend.org/