La spiaggia di Tortolì in Sardegna, nuova Bandiera Blu 2013

Mare d’Italia sempre più blu. È questo il verdetto dell’ultima edizione delle Bandiere Blu,il prestigioso riconoscimento internazionale che la Fondazione per l’educazione ambientale (Fee) assegna alle spiagge di qualità, quelle che si caratterizzano non solo per le acque pulite ma anche per i servizi offerti e il rispetto dell’ambiente che ne guida la gestione.

Per la stagione balneare 2013 le Bandiere Blu disseminate lungo la Penisola sono salite a 248 (due in più rispetto al 2012), per un totale di 135 comuni insigniti (erano 131 l’anno passato).

Nove i nuovi ingressi: Francavilla al mare (Abruzzo), Fermo e Pedaso (Marche), Campomarino (Molise), Tortolì (Sardegna), Carrara (Toscana), Framura e San Lorenzo al mare (Liguria) e Levico Terme (Trentino).

Cinque le spiagge eliminate di cui tre Calabria (Marina di Gioiosa Jonica, Amendolara, Cariati), una in Abruzzo (Scanno) e una in Sicilia (Pozzallo).

Comanda la classifica delle regioni virtuose la Liguria che, con due nuove località sale a quota 20 e si conferma regina delle spiagge. A pari merito con 18 località, seguono Marche e Toscana, che si distaccano di poco dall’Abruzzo, quarto con 14 bandiere. Stabili la Campania (13 bandiere); la Puglia (10 bandiere); l’Emilia Romagna (8 bandiere); il Veneto (5 bandiere) e il Lazio (5 bandiere).

La Sardegna aumenta di una località e sale a 7, mentre il Molise guadagna un riconoscimento e vanta ora 3 Bandiere Blu. La Sicilia scende a 4, perdendo una località mentre la Calabria scende a 3 perdendo ben 3 Bandiere. Friuli Venezia Giulia e Piemonte confermano le 2 Bandiere Blu dell’anno scorso, la Basilicata e la Lombardia il loro unico vessillo.

LA MAPPA DELLE BANDIERE BLU 2013