Università italiane: 34 fra le migliori al mondo. Politecnico in testa

Il Politecnico di Milano (© Polimi)

Finalmente dal mondo dell’istruzione arriva una buona notizia: le università italiane non sfigurano affatto se confrontate con quelle di altri Paesi. Nel Qs World University Rankings, la classifica delle università globali più consultata al mondo, infatti, sono presenti 34 atenei italiani, quattro in più dello scorso anno. Quali? Innanzitutto il Politecnico di Milano, che guadagna sette posizioni, passando dal 156esimo al 149esimo posto e confermandosi per la quinta volta la prima università della Penisola. Ottima performance anche per il Sant’Anna di Pisa, che per impatto della ricerca prodotta entra addirittura fra le Top 10. Firenze fa registrare la crescita maggiore, passando dalla fascia 501 -510 al 448esimo posto e guadagnando oltre 53 posizioni. Molto bene anche l’università di Napoli Federico II, che rispetto alla rivelazione precedente risale 48 posizioni e si classifica al 424esimo posto. Trento e Pisa si piazzano entrambe al 389° posto, balzando in avanti rispettivamente di 37 e 33 posti. Migliorano anche Bologna, la Sapienza (che si avvicina alla top 200), Padova, il politecnico di Torino, la Statale di Milano, Milano Bicocca, Torino, Genova, Modena-Reggio Emilia.

Solo cinque università italiane peggiorano rispetto all’edizione precedente: Ferrara, Brescia, la scuola superiore Sant’Anna di Pisa, la Normale di Pisa e la Cattolica. Le cinque new entry sono Parma, Udine, Salerno e il Politecnico di Bari, tutte nella fascia 801-1000. Complessivamente, l’Italia è il settimo Paese più rappresentato al mondo e il terzo dell’Unione europea, dopo il Regno Unito (con 84 università) e la Germania (47) e davanti a Francia (31) e Spagna (27).
Ma qual è l’università migliore al mondo? Per l’ottavo anno consecutivo, il Mit di Boston. Medaglia d’argento per la Stanford University e di bronzo per l’Università di Harvard. Il podio dunque è tutto a stelle e strisce. La prima università in Europa è Oxford, salita al quarto posto, mentre la prima dell’Europa continentale è l’Eth di Zurigo, che si è piazzata in sesta posizione. In Asia, a fare la parte da leoni sono la National University of Singapore e la Nanyang Technological University, sempre di Singapore, entrambe all’undicesimo posto.