I migliori Paesi al mondo in cui vivere: Italia 17esima

©Pixabay

L’Italia non sarà il Paese migliore al mondo in cui vivere, ma non è messo così male: infatti, a livello globale è 17esimo. Fra i suoi punti di forza ci sono il patrimonio culturale (ambito in cui siamo primi in assoluto), la ricca storia, l’immenso settore turistico, la notevole crescita economica delle regioni settentrionali. A rivelarlo è la classifica annuale di US News & World Report, che ha intervistato oltre 20mila persone e valutato 73 nazioni su sulla base di 65 parametri, raggruppati in nove categorie: avventura, senso civico, influenza culturale, imprenditorialità, patrimonio culturale, vitalità economica, apertura verso le imprese, potere e qualità delle vita. Il peso maggiore è stato attribuito a imprenditorialità e qualità della vita. A conquistare la medaglia d’oro è la Svizzera, che brilla soprattutto nella categoria apertura verso le imprese, dove è seconda. Ma si distingue anche perché è una delle nazioni più ricche al mondo, vanta una neutralità politica, ha una forte economia con bassa imposizione sulle imprese, possiede una tradizione culturale varia e molti suoi cittadini sono vincitori di Premio Nobel e brevetti depositati.

Fra i migliori Paesi al mondo in cui vivere anche Germania e Australia

In seconda posizione troviamo il Canada, primo al mondo per qualità della vita. Dalla sua ha anche l’elevato tenore di vita, il fatto di essere il quinto produttore mondiale di petrolio, la politica nazionale di multiculturalismo, l’economia industriale ad alta tecnologia. Sul terzo gradino del podio sale il Giappone, che è secondo a livello globale per l’imprenditorialità. Non solo: è la terza maggiore economia al mondo, è tra i principali produttori mondiali di automobili ed elettronica ed è un Paese altamente alfabetizzato e tecnologicamente avanzato. Quarto posto per la Germania, anche grazie alla prima posizione nella categoria imprenditorialità. Ma il nostro vicino può contare anche su una forza lavoro qualificata e ricca, oltre che su telecomunicazioni, assistenza sanitaria e turismo fiorenti. Senza dimenticare che è una delle maggiori economie mondiali, è leader nelle importazioni e nelle esportazioni e a molte importanti figure culturali. La top5 è chiusa dall’Australia, una nazione ricca che si distingue per l’ottima qualità della vita, una speranza di vita elevata, una legislazione progressista in materia di matrimonio gay e ambiente, la grande vivibilità.Dopo l’Australia e prima dell’Italia, troviamo Regno Unito, Stati Uniti, Svezia, Paesi Bassi, Norvegia, Nuova Zelanda, Francia, Danimarca, Finlandia, Cina, Singapore.