Hotel 5 stelle: in Italia una camera sfiora il milione di euro

Foto di ming dai da Pixabay

Quasi mille euro. Questa è la cifra che bisogna mettere in conto se si vuole trascorrere una notte da sogno in un hotel cinque stelle in alcune delle più rinomate località di mare italiane. È il dato che più salta all'occhio leggendo il nuovo Report Hotel – Focus Mare 2019 di World Capital, in collaborazione con Nomisma. Report che, tra le altre cose, offre una dettagliata overview sui costi immobiliari per camera delle seguenti località di mare: Portofino, Lido di Venezia, Cesenatico, Forte dei Marmi, Sperlonga, San Benedetto del Tronto, Positano, Polignano a mare, Maratea, Tropea, Giulianova, Termoli, Capri, Porto Cervo, Taormina.
Bene, le destinazioni più costose sono Capri per i 4 e i 5 stelle, rispettivamente con un valore immobiliare di 343 € e di 991 € a camera, e Positano per i 3 stelle con un valore per camera di 253 €. Focalizzandoci sulle strutture ricettive a 5 stelle, oltre a Capri, sul podio troviamo in fila sempre Positano con un valore per camera di 830 € e Portofino con 719 €. Al Centro Italia è poi Forte dei Marmi ad avere la meglio, con i suoi 526 € per una stanza in una struttura 5 stelle.

Sul fronte dell'attrattività turistica, la destinazione di mare a registrare lo score più alto è la Riviera Romagnola, con 87,4 su 100. Buoni risultati anche per i comuni del litorale campano, costiera amalfitana e Cilento (con uno score pari a 86 su 100) e le destinazioni marittime del Veneto e del Friuli Venezia-Giulia (82,3).

I numeri dell'offerta italiana

Guardano al Report, il Bel Paese si attesta leader per posti letto in Europa registrando un incremento del 0,3% dal 2009 al 2018. Facendo un confronto a livello europeo, si nota che nel corso degli anni i posti letto hanno subito un considerevole aumento (circa +11%) passando da 12 milioni e mezzo nel 2009 fino ad arrivare a quasi 14 milioni nel 2018, 1,1 milioni dei quali in Italia. Per quanto riguarda il numero di esercizi alberghieri, invece, nel 2018 è il Regno Unito ad essere più performante con 39˙845 esercizi, seguito al secondo posto dall’Italia con 32.896 strutture e al terzo dalla Germania con 32.433 esercizi.