Quasi 5 milioni di italiani sono diffidenti verso il contactless

Nonostante sia ormai diffuso da qualche tempo anche in Italia, il pagamento contactless rimane uno sconosciuto per molti nostri connazionali. Secondo un’indagine effettuata da mUp Research su un campione rappresentativo della popolazione italiana adulta con età compresa fra i 18 e i 74 anni, commissionata da Facile.it in occasione dell’apertura del suo Store di Milano, infatti, ben 7,6 milioni di persone, pari al 17,7% del totale intervistato, non ha idea di cosa sia e come funzioni questa forma di pagamento, che consiste nell’avvicinare la carta di credito, debito o prepagata al POS, senza necessità di inserire il pin. I più disinformati in materia? Innanzitutto le donne: il 22,1% ignora cosa sia, rispetto al 13,3% del campione maschile. A essere poco informate sono poi le persone che risiedono nel Nord Est, con una percentuale del 21,3%. Ma inaspettatamente anche i giovani con età compresa fra i 18 ed i 24 anni: in questo caso, il dato sale addirittura fino al 36,4%.

Il contactless conquista 18 milioni di italiani

Eppure, proprio i giovani della fascia d’età 18 – 24 anni sono fra le categorie che più si fidano del contactless: fra loro appena il 7,2% è diffidente. La fiducia è bassa, invece, fra gli uomini (13,8% rispetto all’8,4% del campione femminile), nella fascia 35 – 54 anni (12,3%) e nel Nord Ovest (12,6%). Complessivamente, l’11,1% del campione totale, equivalente a 4,7 milioni di individui, è scettico verso questa forma di pagamento. A questi si aggiungono 7,1 milioni di italiani, il 16,7% del campione, che non lo usano perché le carte di pagamento che possiedono non sono abilitate al contactless. Questa volta le percentuali maggiori si registrano al Sud (19,2%) e nella fascia anagrafica 55-64 anni (21,1%). Nonostante tutto, comunque, sono oltre 18 milioni gli italiani che fanno uso delle carte senza inserire il PIN.