Alitalia, la situazione è ancora in stallo. Si va verso l’ottava proroga

La questione Alitalia rimane ancora in sospeso. Mancano solo poche ore alla scadenza dell’offerta vincolante, ma al momento l’ipotesi di un accordo fra i vari attori in gioco sembra sfumata. Delta ha “confermato la disponibilità a partecipare all’equity” con 100 milioni per una quota del 10%. Anche Lufthansa ha ribadito la sua intenzione di entrare a far parte nel consorzio, ma non è pronta per un ingresso immediato. La posizione di Atlantia è ancora più incerta: intende proseguire il confronto, ma ritiene che, a ora, le condizioni per l’adesione al progetto non siano soddisfatte. E Fs? Il cda della società guidata da Gianfranco Battisti, da qualche mese capofila delle trattative, ha dichiarato che non sono ancora maturare le “condizioni necessarie” per la cordata, ma che comunque si proseguirà nelle trattative. È probabile, dunque, che si arriverà a un nuovo invio: in questo caso, si tratterebbe dell’ottava proroga. L’obiettivo rimane comunque quello di chiudere entro il primo trimestre del 2020.