Allearsi per competere: la nuova sfida di Naïma Group

Il presidente di Naïma Group, Stefano Biagi (foto di Stefano Pinci)

Adamuccio, Del Prete, Ferreri, Galeazzi, Muzio, Odolini, Squillace e Vallesi. No, non si tratta della formazione di una squadra di calcio, né dell’elenco parzia­le di un registro di classe. Sono i cognomi di otto famiglie che hanno deciso di mettersi insieme per fare impresa nel beauty retail, prima – nel 2013 – come consorzio d’acquisto e poi – dal 2017 – come gruppo di vendita, conquistando nell’arco degli ultimi tre anni l’8% del mercato italiano malgrado la concorren­za delle grandi catene internazionali. Per la loro “alleanza” hanno scelto la paro­la Naïma, che – oltre a essere l’anagramma di “anima” – in arabo vuol dire “be­atitudine” e “gentilezza”. Una catena di 240 negozi sparsi per l’Italia, che si sono dati come presidente Stefano Biagi, e un direttore generale (braccio “armato” della distribuzione con un lungo passato in L’Oréal) Fabio Lo Prato. A Biagi, che vanta un curriculum decisamente beauty oriented – figlio di profumieri, poi ap­prodato in Limoni e in seguito ai vertici del romano gruppo Muzio – abbiamo chiesto come e perché queste otto famiglie di retailer si siano alleate, scegliendo di rinunciare a parte della loro indipendenza di commercianti-imprenditori, per poter competere su un mercato diventato sempre più complesso.

Andiamo subito al dunque: perché otto famiglie, ciascuna proprie­taria di varie profumerie in diverse aree del Paese, decidono di met­tersi insieme?
All’inizio, l’intenzione era di fare massa critica, per poter andare dai fornitori e strappare migliori condizioni commerciali. Partivamo già da un parterre di rilie­vo, nel senso che si trattava di famiglie storiche – ciascuna con un diverso terri­torio – che avevano in media 30 anni di tradizione nel beauty retail. E devo am­mettere che l’idea è stata subito vincente: dalla nascita, nel 2013, del consorzio Profumerie d’Italia abbiamo tratto molti vantaggi. Quindi, tutti i soci erano più che contenti e soddisfatti. Solo che…

L'intervista continua sul numero di Business People gennaio-febbraio

Acquista la copia in edicola o scaricala da iTunes o Play Store

oppure

Abbonati e risparmia: goo.gl/gmnjzX