miuccia prada figli

Lorenzo Bertelli, primo figlio di Miuccia Prada, al rally di Argentina © Massimo Bettiol/Getty Images

Miuccia Prada e i figli, un rapporto decisamente sui generis. Miuccia Prada col marito Patrizio Bertelli hanno avuto due figli che sono destinati a raccogliere l'eredità dell'azienda prima o poi. Si chiamano Lorenzo (classe 1988) e Giulio, nato nel 1990. Ma attenzione: guai a immaginarli come i tipici rampolli di una grande dinastia.

Miuccia Prada: il futuro in mano ai figli

I figli di Miuccia Prada hanno ereditato lo stile della mamma e la passione per lo sport e l'avventura del papà. Così Lorenzo Bertelli, nato il 10 maggio come mamma, si è laureato in Filosofia con Massimo Cacciari. La sua passione più grande però è la velocità, tanto da diventare pilota professionista di rally. Nel 2015 ha conquistato anche i primi punti nel Mondiale Wrc, a pochi mesi dalla nomina nel consigli di amministrazione della Prada Holding Spa la scatola che ha permesso il trasferimento dell'azienda in Lussemburgo. L'incarico è un ostacolo per i suoi sogni sportivi? Nient'affatto «perché quando si è all’interno di un consiglio di amministrazione di una holding non ci sono responsabilità e impegni a tempo pieno: diciamo che è un primo segnale per far capire che la tradizione continua». Un ragazzo con le idee chiare. 

Macchine e amori

Il secondo figlio di Miuccia PradaGiulio Bertelli, 28 anni, è stato folgorato dal sogno Luna Rossa. La passione per la vela ha accompagnato gli anni degli studi di Architettura fino a strapparlo via dai libri per il mare. Dopo aver partecipato alla campagna della Coppa America 2013, l'anno scorso ha disputato la Volvo Ocean Race. «Sono 6 anni che lavoro in questo ambiente», ha raccontato prima della partenza da Lisbona, «perché ho una grande passione per il mare. Studiavo Architettura a Londra, ma quella vita non mi apparteneva. Un giorno ho deciso di cambiare strada». Gli sono stati attribuiti diversi amori da copertina, tra cui quello con Palma Bucarelli, figlia di Angelo, nipote dell’omonima signora dell’arte romana.