Cucinelli: Lisandroni e Stefanelli nuovi a.d. e Ceo

Brunello Cucinelli @ Photo by Venturelli/Getty Images

Piccolo passo indietro da parte di Brunello Cucinelli che, pur confermato presidente esecutivo e direttore creativo della maison del cashmere da lui fondata, ha ceduto il ruolo di Ceo. Nel corso dell'ultimo consiglio di amministrazione, Luca Lisandroni e Riccardo Stefanelli sono stati infatti nominati amministratori delegati e Ceo, conferendo a Luca Lisandroni deleghe per l’area Mercati e a Riccardo Stefanelli deleghe per l’area Prodotto e Operations.

Lisandroni, in Cucinelli dal 2016, dopo un inizio di carriera in L'Oréal, ha avuto una lunga esperienza manageriale in Luxottica, dove per cinque anni è arrivato a ricopirere il ruolo di General Manager di Luxottica Brasile.

Stefanelli è, invece, entrato in azienda nel 2006, dapprima all'interno della divisione finanziaria e successivamente come responsabile programmazione, controllo e pianificazione dell'attività retail. Nel 2007 è divenuto referente per gli aspetti legali del Gruppo e ha fatto il suo ingresso nel comitato per le umane risorse. Nel 2011 è arrivata invece la nomina ad amministratore.

“Immagino che questi due giovani quarantenni, uomini di grande valore professionale e innamorati dei grandi concetti universali di verità, bellezza e umanità, possano condurre l’impresa per lungo tempo come esempio di custodia per le future generazioni”, ha dichiarato Brunello Cucinelli.

Nel corso della seduta è stato presentato il bilancio consolidato di Brunello  Cucinelli S.p.A. al 31 dicembre 2019, che ha chiuso con ricavi netti pari a 607,8 milioni di euro, in crescita del 9,9% rispetto ai 553,0 milioni di euro del 2018, e un utile netto normalizzato pari a 49,3 milioni di Euro, in crescita del 7,1 % rispetto ai 46,0 milioni di euro dell’esercizio 2018.