Che siano una della poche band autenticamente rivoluzionarie della scena mondiale lo avevamo già compreso ascoltando, ad esempio, Kid A o Amnesiac, album zeppi di sperimentazioni e autentiche invenzioni, nonostante fossero i dischi che giungevano dopo i planetari successi di Ok Computer. Che il loro modo di stare sul mercato fosse atipico ce lo aveva spiegato anche l’eccellente In Rainbows del 2007, lavoro distribuito più o meno con la formula atipica del “scegli tu il prezzo che preferisci” su Web (poi, ovviamente, anche su supporto fisico). Ma oggi Thom Yorke e soci hanno ancora voglia di stupire, eccome. E l’occasione si è presentata dal nuovo album The King of Limbs che, in barba a ogni collaudata strategia di lancio e di comunciazione è stato annunciato dai quattro di Oxford tramite il loro blog Dead Air Space e il sito Web www.thekingoflimbs.com. A quest’ultimo indirizzo è infatti possibile preordinare l’album che sarà disponibile dal 19 febbraio in versione digitale (al prezzo di 7 euro) e, a inizio maggio, in versione “fisica” (al costo di oltre 36 euro per un’edizione da collezione che consta di due vinili, un Cd, alcuni poster e un libretto curatissimo con numerose illustrazioni). Del disco si parlava da mesi - il chitarrista Johnny Greenwood ne aveva parlato già a fine anno) - ma l’annuncio ha sorpreso un’altra volta anche i fan più attenti.