© RMN (musée d’Orsay)/Hervé Lewandsoski

Eugène Delacroix (1798-1863) fu tra gli autori francesi che introdussero la modernità nell’arte figurativa. La sua morte avvenne nell’anno di Colazione sull’erba di Édouard Manet, che generò scalpore nella Parigi borghese e benpensante dell’epoca, raffigurando una donna nuda tra uomini vestiti, adagiati su un prato. Henri Fantin-Latour, come Manet, nutriva una sincera ammirazione nei confronti del maestro Delacroix. L’anno successivo alla sua scomparsa, Fantin-Latour riunì alcuni intellettuali e artisti per un omaggio al grande pittore, in segno di fratellanza artistica e creativa. Attorno al ritratto di Delacroix, realizzato a partire da una fotografia scattata anni prima, sono raffigurati, tra gli altri, lo stesso Fantin-Latour (in camicia bianca, con la tavolozza in mano), Manet (in piedi, con le mani in tasca) e Charles Baudelaire (seduto a destra, con pochette bianca nel taschino). Completano la mostra altre opere di Fantin-Latour, di Manet e di altri esponenti di metà Ottocento.

Fantin-Latour, Manet, Baudelaire: Omaggio a Delacroix
Museo Nazionale Eugène Delacroix, Parigi
Fino al 19 marzo

www.musee-delacroix.fr