Diretta da Alberto Barbera, apre oggi la Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia (28 agosto - 7 settembre), che quest'anno taglia il traguardo della 70ma edizione. A inaugurare il festival è Gravity , sci-fi d'autore ambientato nelle profondità dello spazio, diretto da Alfonso Cuaron e interpretato da George Clooney e Sandra Bullock. In concorso 20 titoli in lizza per il Leone d'oro e gli altri premi. Tra questi spiccano il visionario The Zero Theorem di Terry Gilliam, il film sull'assassinio di JFK Parkland , diretto dall'esordiente Peter Landsman, il film d'animazione di Hayao Miyazaki The Wind Rises , il violento Child of God di James Franco, il fantascientifico Under the Skin con Scarlett Johansson, il toccante dramma di Stephen Frears Philomena e Joe con un Nicolas Cage in cerca di redenzione. Per il cinema italiano, invece, a concorrere per il Leone d'oro sono L'intrepido di Gianni Amelio, Via Castellana Bandiera dell'esordiente Emma Dante e il documentario di Gianfranco Risi Sacro Gra . Tra i titoli fuori concorso ricordiamo il thriller erotico con Lindsay Lohan The Canyons e il controverso e durissimo Moebius di Kim Ki-Duk (reduce dal successo di Pietà che gli è valso il Leone d'oro l'anno scorso). Madrina del festival sarà l'attrice e modella Eva Riccobono. Come nelle edizioni precedenti, anche quest'anno sarà dedicato ampio spazio al Venice Film Market (30 agosto - 3 settembre) e all'Industry Office al terzo piano dell'hotel Excelsior del Lido di Venezia, dove si svolgeranno incontri sugli aspetti normativi, tecnologici, sociali e di mercato dell'industria cinematografica per gli operatori del settore.