Reality di Matteo Garrone

C’è anche un italiano tra i vincitori del Festival di Cannes 2012, il regista Matteo Garrone si è infatti aggiudicato il Grand Prix della giuria (il secondo in ordine d’importanza) per il suo Reality , uno sguardo tragico sul degrado culturale italiano. Il film di Garrone – coprodotto da Fandango e Rai Cinema con Le Pacte, Archimede e Garance Capital – racconta la storia di Luciano (l’attore-ergastolano Aniello Arena), un pescivendolo di Napoli, famiglia numerosa, moglie e tre figli, che a un matrimonio fa la conoscenza con un ex del Grande Fratello, tale Enzo. Da lì, sollecitato dai figli, parte all'inseguimento di un sogno di notorietà e di svolta sociale, che lo porterà alla delusione e alla follia cercando invano di partecipare al reality. Reality , il secondo film di Garrone a ottenere il Grand Prix di Cannes dopo Gomorra (2008), sarà distribuito da 01.
Gli altri vincitori. La regia presieduta da Nanni Moretti ha premiato con la Palma d’Oro il regista austriaco Michael Haneke che, dopo il successo del 2009 con Il nastro bianco , ha trionfato a Cannes con il film Amour . Il premio per la miglior regia è stato assegnato a Carlos Reygadas per Post tenebras lux. Il premio della Giuria è stato attribuito a The Angels Share di Ken Loach. Tra gli attori ha vinto Mads Mikkelsen per Jagten mentre tra le attrici hanno prevalso le protagoniste di Beyond the Hills di Cristian Mungiu, Cristina Flutur e Cosmina Stratan. Mungiu è stato premiato anche per la miglior sceneggiatura.