L’atelier Louis Vuitton di Fiesso d’Artico

Le calzature Louis Vuitton saranno sempre più made in Italy. Dopo lo stabilimento sito a Fiesso d’Artico dove il marchio ammiraglio di Lvmh produce una buona parte delle proprie calzature, il luxury brand francese è pronto ad aprire un nuovo polo produttivo in Italia. A rilevarlo Serge Alfandary, direttore della divisione calzature Louis Vuitton in un’intervista rilasciata a MFF .

Il nuovo stabilmento, che si troverà in Toscana, sarà dedicato esclusivamente alle calzature da uomo. Un business, quello delle scarpe maschili, che per Louis Vuitton rappresenta il 60% della produzione totale delle calzature e che cresce, ogni anno del 24%. A impreziosire la produzione, il Made to order shoes, il servizio che consente ai clienti Louis Vuitton di acquistare calzature confezionate su misura scegliendo tra sei modelli di calzature classiche ed eleganti, quattro tipi di suolature, tre differenti calzate in base all’ampiezza della pianta e del collo del piede, otto diversi pellami di alta qualità e otto tinte.

Proprio per celebrare questo servizio Louis Vuitton ha organizzato due eventi, una nella boutique di Firenze il 17 giugno, in occasione di Pitti Uomo e una in quella di via Montenapoleone a Milano il 23, in occasione di Milano Moda Uomo.