The flow of light via Gesù Milano

The flow of light di via Gesù a Milano © Michele Nastasi

Non si può certo dire che il Quadrilatero della moda di Milano, tempio del lusso italiano, dorma sugli allori. Anzi, è in grande fermento. L’ultima novità, in ordine di tempo, è stata l’inaugurazione di The flow of light  in via Gesù, un innovativo progetto di illuminazione (ideato e sponsorizzato come main partner da Artemide) che applica concretamente il concetto di Smart City, portando attraverso la luce informazione, relazione e cultura. Inaugurato il 12 gennaio, questo “fiume di luce” costante, donato alla città dall’Associazione di via Gesù, viene creato da una serie di lampade Nur – per la prima volta in una versione speciale outdoor – e accompagna i visitatori attraverso una inedita esperienza percettiva lungo il tragitto che unisce via Montenapoleone e via della Spiga. Al contempo, lo stesso apparecchio proietta sulle facciate dei palazzi lame luminose di diversi colori, dando vita a una scansione dello spazio e una visione prospettica che segnano il cammino, rivelando ai passanti la bellezza delle facciate e dei balconi di queste architetture e la storia dei luoghi. 

E mentre la richiestissima, ma altrettanto cara, via Montenapoleone, vedrà quest’anno il debutto degli store di Balmain, Balenciaga e Jacob Cohën, via Bagutta si prepara alla riqualificazione dell’ex Garage Traversi, per la quale è appena arrivato il via libera della Sovrintendenza Archeologia e Belle Arti. Bnp Paribas Real Estate, proprietario dell’immobile, ha dichiarato di volerlo trasformare nel giro di tre anni in un polo multifunzionale di lusso. I lavori, il cui valore stimato è di 30 milioni di euro, non dovrebbero però toccare l’esterno di questo edificio del 1938.