© Getty Images

Un museo per celebrare l'arte e il gusto di Giorgio Armani: nascerà a Milano in tempo per Expo 2015. O almeno è l'auspicio dei promotori dell'iniziativa.

Una collezione permanente di abiti, disegni e immagini dovrebbe trovare spazio in un'area industriale dismessa (l'ex Ansaldo) adiacente alla sede milanese delle griffe di via Bergognone, in Zona Navigli.

Ottenuto il benestare del Comune di Milano, il polo sarà realizzato da Armani stesso e ospiterà anche mostre temporanee su moda e design, una biblioteca, una sala conferenze e spazi per corsi di formazione pensati per studenti.

«Milano è la città dove ho scelto di vivere e lavorare e che è stata per me una dura e leale maestra», ha spiegato lo stilista a Fashion , «mi ha insegnato che niente si ottiene per caso, ma che si possono raggiungere i più difficili traguardi con l'impegno quotidiano. Per questo ho deciso di mettere a disposizione della città il frutto del mio lavoro, fatto non solo di abiti ma anche di senso della materia ed esperienza».

Nella stessa area nascerà anche il Museo delle Culture progettato da David Chipperfield: nell'accordo col Comune sono previsti sconti per giovani e over 65 e ingresso gratuito nei giorni di blocco del traffico.