È iniziata una nuova era per FontanaArte. La storica azienda milanese, fondata nel lontano 1932 dell’architetto Gio Ponti e subito diventata un’icona del design italiano, passa ora sotto il controllo di Nice. L’azienda trevigiana di domotica ha rilevato il 60% del brand milanese riconosciuto, in Italia e all’estero, per aver segnato la “storia della luce e dell’arredamento”. Una rivoluzione per FontanaArte che, nata come divisione artistica della società Luigi Fontana (allora azienda leader nella lavorazione del vetro) concentrò la propria attività, all’inizio nella realizzazione di vetrate artistiche (tra le quali si ricordano quelle del Duomo di Milano e della Cattedrale di Brasilia) per poi passare all’illuminazione e ai complementi d’arredo e adesso viene proiettata nel mondo dell’automazione e del high tech.
Un incontro fra due eccellenze del made in Italy, che si distinguono per innovazione, qualità, servizio, design e prestigio, peculiarità che rappresentano il vantaggio competitivo del sistema Italia nel mondo. Come sottolinea anche Lauro Buoro, presidente di Nice: «Sono molto soddisfatto di questa operazione che permette a Nice di entrare in un settore complementare e proseguire nel nostro piano strategico di sviluppo di soluzioni integrate per la casa, un nuovo arricchimento alla nostra ricerca di eleganza ed eccellenza. Ritengo che, insieme, possiamo offrire un innovativo e diverso contributo alle necessità del vivere quotidiano».