Gildo Zegna  © Getty Images

Gildo Zegna, amministratore delegato del Gruppo Ermenegildo Zegna

«L’accentuarsi delle tendenze negative dell’economia a livello globale, diversamente dagli ultimi anni, potrà avere ripercussioni anche sul settore del lusso». Così Gildo Zegna, amministratore delegato del Gruppo Ermenegildo Zegna, parla del contesto economico e delle sfide che, anche la moda e il lusso, dovranno affrontare. Le parole al termine dell’approvazione del bilancio consolidato 2012 del gruppo. Un bilancio positivo con un fatturato di 1,261 miliardi di euro (+12% a cambi correnti), un Ebitda pari a 250,2 milioni di euro (19,8% del fatturato), un utile netto di 130 milioni di euro (+13%) e una positiva posizione finanziaria netta. Risultati tutti in crescita rispetto al 2011.

Ottimi numeri, fatti, però, in prevalenza fuori dai confini nazionali. Più del 90% delle vendite Ermenegildo Zegna derivano dalle esportazioni, con i mercati emergenti che rappresentano il 46% del totale dei ricavi del gruppo. I principali mercati che hanno contribuito alla crescita sono stati: la Grande Cina, Usa, Russia e Medio Oriente. Contrazioni si sono invece verificate in Spagna, Giappone e Corea. In Europa, complessivamente, si registrano risultati positivi, con i fatturati di Italia, Francia e Regno Unito sostenuti dagli acquisti dei turisti.

«Il 2012 ha confermato – ha spiegato Gildo Zegna – le positive previsioni formulate, nonostante che negli ultimi mesi anche le economie del Paesi che hanno fatto da traino abbiano subito un importante rallentamento. Noi, comunque, siamo fiduciosi di poter conseguire risultati economici e finanziari positivi. Anche nel 2013 continueremo ad investire in Europa, Usa, Messico, Repubblica popolare cinese, Australia e Singapore e in nuove realtà, tra cui Nigeria e Vietnam, nel network retail e nei nostri brand. Questo, anche, con il prezioso contributo di Stefano Pilati a cui sono stati affidati il rilancio di Agnona, nel ruolo di creative director, a partire dalla collezione estate 2014, e la responsabilità di Head of Style per la Zegna Couture, nonché delle sfilate EZ»