©GettyImages

Matteo Manassero

Luci e ombra nella prima giornata dell’Open de France. Sul percorso de Le Golf National, alle porte di Parigi, le prestazioni degli italiani in campo non hanno troppo entusiasmato. I primo dei nostri è Matteo Manassero, che ha chiuso le sue prime 18 buche in 68 colpi, 3 colpi sotto il par del campo. Il che vuol dire sesta posizione. Per il veronese partenza in salita con una doppio bogey subito alla buca 2. Colpo negativo però prontamente recuperato alla buca numero 3 con un eagle. Quindi una serie di birdie: alla 5, alla 6, alla 12, alla 14 e alla 16, rovinati solo dai due bogey alla 7 e alla 18. Con questa prestazione Matteo è a tre colpi dai due leader provvisori della gara, l’inglese Graeme Storm e l’australiano Richard Green, che hanno chiuso in 65.

Molto più lontani dalla vetta della classifica, invece, i fratelli Molinari. I due campioni torinesi hanno chiuso entrambi il primo giorno di gara 4 colpi oltre il par del campo. 3 bogey e un doppio bogey per Edoardo, addirittura 4 bogey e un doppio bogey per Francesco, che però è riuscito a mettere a segno anche un birdie. Per i due la classifica dice 111esima posizione. A metà classifica, invece Lorenzo Gagli. Il fiorentino ha chiuso il suo primo giro in 72 colpi, uno sopra il par. Il taglio al momento è fissato a +1.