© Dean Mouhtaropoulos/Getty Images

Birdie, birdie, birdie, birdie, birdie, birdie = Matteo Manassero il primo giorno del Nordea Masters 2013

Birdie, birdie, birdie, birdie, birdie, birdie. 6 buche 6 birdie, questo è stato il modo in cui Matteo Manassero ha cominciato il Nordea Masters 2013. Tre giorni dopo la vittoria al BMW PGA Championship di domenica scorsa al Wentworth Club. Matteo Manassero è partito dalla buca 10 del percorso del Bro Hof Slott Golf Club, Stoccolma, Svezia, e il primo par è arrivato alla buca 16 seguito bogey alla buca 17 (un'isola in mezzo al lago), e ancora par alla buca 18, per uscire dalle prime nove buche in 31 colpi. Un secondo bogey è arrivato alla buca 5, ma due birdie (buche 1 e 6) hanno permesso a Manassero di chiudere il primo giro in 66 colpi, sei sotto il par, prima posizione di classifica.

Stesso punteggio (66 colpi) per Pablo Larrazabal che conduce con Matteo la classifica della prima giornata del Nordea Masters 2013.

In terza posizione di classifica con 67 colpi, cinque sotto il par, gli svedesi Fredrik Andersson Hed e Alexander Noren, il gallese Jamie Donaldson e gli inglesi Simon Wakefield e Chris Lloyd. Seguono a -4 lo scozzese Gary Orr, l'olandese Joost Luiten, l'inglese John Parry, il portoghese Ricardo Santos, lo spagnolo Alejandro Canizares.

La classifica del primo giro è ancora molto corta per la testa del torneo, a meno tre ci sono lo svedese Peter Hanson, il francese Gregory Havret e l'austriaco Bernd Wiesberger.

Francesco Molinari ha giocato 70 colpi, due sotto il par, un bogey e quattro birdie sulle prime nove buche e due bogey e un birdie sulle seconde nove. Stesso punteggio di Francesco anche per Thomas Bjorn e Paul Lawrie.

Pessima buca 13 per Alessandro Tadini che ha chiuso con quadruplo bogey (par 5 chiuso in 9), era alla quarta buca avendo iniziato dalla buca 10. Alessandro ha poi trovato due birdie e un bogey e terminato in 75 colpi, tre sopra il par.

Lorenzo Gagli ha lasciato quattro colpi al par cinque della buca 15, e ancora bogey alla buca 16, alla 1 e alla 5. Quattro birdie hanno limitato i danni ma lo score è di 75 colpi.

Matteo Delpodio ha giocato 40 colpi sulle seconde nove buche e il par sulle prime nove, prime diciotto buche in 76 colpi, quattro sopra il par.

Edoardo Molinari ha iniziato male il Nordea Masters 2013, un fastidioso bogey alla buca 1 che ha rovinato il gioco del nostro campione fino alla buca 8. Dopo cinque bogey è arrivato il birdie della 9. Sulle seconde nove buche Edoardo ha ingarbugliato lo score con un triplo bogey alla buca 13 e i due birdie alle buche 12 e 17 hanno solo limitato il danno. Totale punteggio del primo giro 77 colpi, cinque sopra il par.

Domani servirà una prestazione di ottimo livello per superare il taglio che potrebbe essere al par o più basso.

I tee time di venerdi 31 maggio:

ore 8:00 dal tee della buca 10 Francesco Molinari, Alexander Noren, Thomas Bjorn

ore 8:00 dal tee della buca 1 Matteo Delpodio, Daniel Gaunt, Maarten Lafeber

ore 8:20 dal tee della buca 10 Edoardo Molinari, Garth Mulroy, Prom Meesawat

ore 9:10 dal tee della buca 1 Lorenzo Gagli, Robert Coles, Scott Arnold

ore 12:20 dal tee della buca 1 Alessandro Tadini, Alexandre Kaleka, Joakim Lagergren

ore 13:00 dal tee della buca 1 Matteo Manassero, Miguel Angel Jimenez, Peter Hanson

Nordea Masters 2013 la presentazione del torneo