È difficile, quasi impossibile, parlare di golf senza pensare alla bellezza dei contesti in cui i percorsi si snodano. Ed è altrettanto inusuale trattare di velocità dei green e profondità dei bunker senza che il ricordo corra anche alle eccellenze che la cultura enogastronomia locale è in grado di offrire per suggellare una splendida giornata dedicata al golf, qualsiasi sia la location. In questo primo mese dell’anno, durante il quale molti scalpitano in attesa di una stagione ancora da venire, vi proponiamo alcune mete non solo caratterizzate da climi più miti, ma anche da una prospettiva turistica completa e di assoluto livello. Lungo un itinerario che, tra Liguria e Costa Azzurra, sarà in grado di deliziare sia il lato tecnico che il palato dei giocatori. In un immaginario percorso semicircolare, partendo dal Golf Club Rapallo, proseguiamo per Garlenda con l’obiettivo di giungere – al Golf degli Ulivi di Sanremo – tre campi che per le particolari caratteristiche, i colori e i sapori del territorio ligure offrono interes-santi attrattive non solo golfistiche. Superando Ventimiglia, ecco la risposta d’Oltralpe con tre club forse non tra i più conosciuti ma decisamente stimolanti – Saint Endréol, Sainte Maxime e Beauvallon – che sulla via per Saint Tropez non temono il confronto grazie alle tante specialità e bellezze di Provenza e Costa Azzurra.

CIRCOLO GOLF E TENNIS RAPALLO

È sufficiente ricordare Portofino, Santa Margherita e Rapallo perché una visita allo splendido Golfo del Tigullio sia più che giustificata, per le bellezze dell’entroterra, denso di attrazioni storiche e dei porticcioli che punteggiano la costa. Ma, nel caso in cui e la motivazione turistica non fosse sufficiente, ecco venire in aiuto Rapallo con il suo campo di golf, un percorso vario e impegnativo: richiamo ideale in questo periodo dell’anno per il golfista in cerca di nuove sfide e di un clima gradevole. Aperto nei primi anni ‘30, 18 buche dal 1970, colpisce i visitatori sia perché è praticamente all’interno della cittadina, sia per la grande quantità e varietà di alberi presenti che rendono il campo ancora più delicato. I giocatori si trovano spesso di fronte all’impietosa alternativa tra giocare in modo aggressivo, con i rischi dati dai dogleg e dalle ampie fronde di alberi secolari a complicare il raggiungimento dei green, o adottare una tattica più accorta, talvolta meno appagante. Tee e green su più livelli richiedono molta precisione, capacità di adattamento e una certa fantasia. In ogni caso, i panorami che si gustano da molte delle buche sono in grado di ritemprare lo spirito anche nelle giornate di forma e fortuna meno memorabili.

CIRCOLO GOLF E TENNIS RAPALLO
  • 18 buche - 5.260 metri - par 70
  • 30 mila ospiti annuali
  • Il primo in Italia certificato per l’accoglienza dei giocatori disabili
  • Sei campi da tennis (uno coperto dotato di struttura invernale)
  • Aperto tutto l’anno - Chiuso il martedì non festivo da ottobre a marzo e il 25 dicembre
  • www.golfetennisrapallo.it

GOLF CLUB GARLENDA

A poco più di un’ora da Rapallo, verso Ponente, raggiungiamo il Golf Club Garlenda, nei pressi di Albenga e Alassio, mete di turismo storico e culturale e di divertimento. Posizionato nell’entroterra, nella valle del Lerrone, ma a poca distanza dal mare, gode di un clima piacevole che mantiene fairway e green in ottimo stato nel corso dell’intero anno. I designer, gli inglesi Morrison e Harris, hanno saputo cogliere l’essenza del terreno ligure, ondulato e poco regolare e della natura di questa regione, sfruttando perfettamente pini e ulivi per incastonare le buche all’interno dell’area in cui, nel 1964, il circolo ha visto la luce. Un percorso in cui la potenza del giocatore viene sollecitata ma, proprio per la morfologia dei fairway, in cui anche sagacia tattica e corrette scelte di gioco possono fare la differenza. I panorami che circondano il campo, le Alpi Marittime come gli scorci da cui è possibile ammirare il blu del mare, completano il quadro di un club che merita decisamente ben più di una visita.

GOLF CLUB GARLENDA
  • 18 buche - 6.085 metri - par 72
  • Piscina scoperta
  • Campo da beach volley e da calcetto
  • Aperto tutto l’anno - Chiuso il mercoledì non festivo da ottobre ad aprile
  • www.garlendagolf.it

CIRCOLO GOLF DEGLI ULIVI

È difficile scegliere una sola ragione per cui Sanremo è così nota. Per chi gioca a golf è il suo clima, perché consente, quando altrove regnano gelo, nebbia e nuvole di giocare in condizioni quasi ideali. E, infatti, fin dal 1931 Sanremo è conosciuta anche per il suo campo da golf, frutto della lungimiranza degli amministratori locali dell’epoca, che ne avevano intravisto il potenziale turistico, e che fu teatro di un incontro tra due gentiluomini inglesi e i due migliori maestri di golf italiani di quegli anni (vedi www.golfsanremo.com) che decretò l’inizio dell’ avventura di questo circolo. Il percorso, dal dicembre del 1972 nella sua versione attuale, richiede di adattare il gioco alle proprie capacità, senza azzardi, essendo le insidie disseminate in ogni angolo di green. Nello stesso tempo, è un percorso che diverte perché impone sempre una scelta di strategia e non regala nulla! Dislivelli, pendii, green piccoli e con difficili linee da interpretare compensano le distanze che, in qualche buca, non sono molto ampie. Se la 1 può far credere di poter giocare in relax, arriva prontamente la 2, un par 3 di circa 180 m, con fuori limite e bunker a far risvegliare bruscamente l’incauto giocatore. E così fino alla 18, con un alternarsi di situazioni di gioco che non lasciano il tempo per annoiarsi.

CIRCOLO GOLF DEGLI ULIVI
  • 18 buche - 5.203 metri - par 69
  • Sede di Open d’Italia negli anni ’30 e ’40, Master negli anni ’80, European Senior Tour nel 2004, Campionato P.G.A. 2005, 2006, 2007
  • Aperto tutto l’anno – Chiuso il martedì
  • www.golfsanrmo.com

GOLF DE SAINT ENDRÉOL

Passato il confine, tra Costa Azzurra e Provenza le occasioni non mancano per chi abbia intenzione di scoprire location di grande livello non solo golfisti-che. Una di queste è Saint Endréol, 30 km a Ovest di Cannes e 30 a Nord di Saint Tropez. Questo club, aper-to nel 1992, negli ultimi anni ha vissuto un’evoluzione importante, da percorso divertente e “ruspante” a re-sort dotato di ogni comfort. Il campo merita una visi-ta per l’estrema varietà di situazioni che propone, i for-ti dislivelli e l’ampia gamma di ostacoli d’acqua: un mix che l’architetto M. Gayon ha sapien-temente distribuito nelle 18 buche, par 72 di 6.219 m, tra il fiume Endre e il Ro-cher de Roquebrune, per una impegnati-va sfida tecnica e per i suoi scorci.

GOLF DE SAINT ENDRÉOL
  • 18 buche - 6.219 metri - par 72
  • 2 campi da tennis e un percorso di jogging
  • Vicino all’aeroporto di Nizza
  • Disponibili set a noleggio
  • Soft spykes
  • Non ammesso abbigliamento in denim e t-shirt sul percorso
  • Ammessi i cani sul percorso solo se custoditi
  • Handicap minimo 30
  • Aperto tutto l’anno – Prenotare il tee time
  • www.st-endreol.com

GOLF CLUB DE SAINTE-MAXIME

Nei pressi di Saint Tropez, il club di Sainte Maxime è un’esperienza di golf elegante e tecnicamente divertente. Par 72, 18 buche per 6.023 metri, aperto dal 1991 per le importanti ondulazioni delle prime nove buche richiede un’ampia varietà di colpi e impone il gioco con il cart mentre nelle seconde nove, poste su un’area sopraelevata ma più pianeggiante, garantisce magnifici panorami e viste sulla splendida baia di Saint Tropez. I designer, Peter e Don Harradine, hanno colto l’essenza di questa regione, inserendo questo ottimo percorso nascosto tra la macchia mediterranea e le querce da sughero, tra la baia di Saint Tropez e i massicci del Maures e dell’Esterel.

GOLF CLUB DE SAINTE-MAXIME
  • 18 buche - 6.023 metri - par 72
  • Aeroporti di Nizza a 70 km e Hyères Toulon a 50 km
  • Cart con GPS
  • Disponibili set a noleggio
  • Aperto tutto l’anno – Prenotare il tee time
  • www.bluegreen.com

GOLF CLUB DE BEAUVALLON

Un’altra perla tra le tante di questa zona, il Golf Club de Beauvallon ha una lunga tradizione - essendo sorto nel lontano 1923 - e una collocazione particolarmente fortunata: a 3 km da Sainte Maxime e 10 km da Saint Tropez, nel comune di Grimaud. La versione attuale a 18 buche, completata nel 1996, rende questo percorso una meta da non lasciarsi sfuggire. Anche perché il campo, con fairway caratterizzati da ondulazioni morbide, si presta a giocatori di ogni livello, non richiede l’uso del cart e consente splendide passeggiate tra querce da sughero, mimose e pini marittimi. Dal punto di vista tecnico, si alternano buche ampie - che inducono ad attaccare - ad altre in cui è necessario valutare ogni singolo colpo e le eventuali conseguenze. Infine, grande soddisfazione è data dai panorami mozzafiato tra il golfo di Saint Tropez, Port Grimaud e Gassin.

GOLF CLUB DE BEAUVALLON
  • 18 buche - 5.557 metri - par 70
  • Aeroporti di Nizza a 70 km e Hyères Toulon a 50 km
  • Soft spykes
  • Cart a noleggio
  • Non ammesso abbigliamento in denime t-shirt sul percorso
  • Non ammessi i cani né sul percorso né in club house
  • Handicap minimo 35
  • Aperto tutto l’anno – Prenotareil tee time 48 h prima
  • www.golf-club-de-beauvallon.com