Una mini rivoluzione sarà messa in atto con l'arrivo del nuovo anno. In Francia, i motociclisti a due e tre ruote, avranno l'obbligo di indossare il gilet di sicurezza giallo con strisce catarinfrangenti. Questa è la decisione irreversibile presa dal governo francese e pubblicata sulla gazzetta ufficiale di domenica. Ovviamente moltissimi sono i pareri discordanti. Il gilet non deve essere qualcosa di tecnico, ma basta indossare quello standard che si deve avere per sicurezza anche in auto. L'importante è come anticipato indossarlo, sempre sopra l'abbigliamento tecnico adeguato. La Francia fa sul serio, perchè ha previsto anche delle sanzioni per chi non lo porterà: da 11 a 135 euro di multa, esattamente come accade per gli automobilisti che non l'hanno a bordo. Per loro è obbligatorio dal 2008. Normale e acceso sarà il dibattito. Da una parte i motociclisti ligi, che vedranno l'obbligo del gilet come una vera e propria nota positiva, dall'altra parte invece i motociclisti più attenti al vestiario ed al look storceranno il naso e non poco all'idea di vedere le loro ultime tute, o il loro ultimo giubbotto coperto da un'anonima pettorina catarinfrangente. Non saranno i soli a lamentarsi, infatti, immaginiamo già la polemica che alzeranno le aziende produttrici di abbigliamento tecnico, che dal gennaio prossimo verranno sempre coperte dai gilet gialli e perderanno sicuramente visibilità. Per ora i motociclisti italiani non devono ancora preoccuparsi di questa nuova legge, ma si sa che un provvedimento così deciso ed imminente attirerà sicuramente l'attenzione del nostro governo e li ci si potrà aspettare di tutto. Al futuro l'ardua sentenza.