Nuovo lavoro: i consigli per lasciare una buona impressione

L’ultimo colloquio è andato proprio come speravate e finalmente siete stati assunti nell’azienda dei vostri sogni? Attenzione perché la strada ora non è tutta in discesa. Le prime settimane di un nuovo lavoro sono importantissime: è anche dall’impressione che date in questo frangente, infatti, che dipendono il vostro futuro lavorativo e i rapporti con i colleghi. Per non partire con il piede sbagliato con il nuovo lavoro è fondamentale innanzitutto valutare con attenzione l’ambiente in cui vi siete inseriti: ogni azienda, infatti, ha dinamiche ed equilibri propri. In certe realtà si può osare un po’ di più, mentre in altre è meglio tenere un basso profilo. Nell’attesa di capire qual è l’atteggiamento migliore per il caso specifico, l’ideale è usare molto equilibrio e buon senso: non strafare, ma nemmeno rimanere troppo nell’ombra. Ovviamente molto dipenderà anche dal proprio carattere: in linea di massima, i più sicuri ed estrosi dovrebbero tirare un po’ il freno a mano, mentre i più insicuri e timidi cercare di osare di più.

Nel nuovo lavoro parlate poco e ascoltate molto

Si consiglia poi di sfruttare i momenti di pausa per stabilire un legame con i nuovi colleghi, ma senza apparire invadenti e soprattutto senza elogiare le proprie doti: iniziare facendo piccoli interventi, mostrandosi gentili e facendo molti sorrisi, purché sentiti. Per non vanificare questi sforzi, cercare di imparare il prima possibile i nomi: anche questo è un modo per mostrare il proprio impegno, la propria disponibilità e la propria gentilezza. Se si fa fatica, si può scrivere un elenco con nomi e ruoli. Per fare una buona impressione nel nuovo lavoro è bene, poi, non essere troppo rigidi con gli orari: arrivare un po’ prima al mattino e trattenersi qualche minuto in più la sera non può che mettervi sotto una buona luce. Purché non esageriate. Se avete qualche dubbio non esitate a chiedere: è ovvio che non possiate sapere tutto, per cui piuttosto di sbagliare o crogiolarsi nell’incertezza è meglio confrontarsi con gli altri. Ma non parlate troppo: nelle prime settimane dovete soprattutto ascoltare e prestare attenzione a quanto vi viene detto. Se non siete d’accordo su una questione, esprimete con molta cautela la vostra posizione, cercando di non assumere posizioni nette.