Carriera o famiglia? Per le donne il telelavoro non è una soluzione

Foto di Igor Link da Pixabay

 Lavorare da casa non basta. In Italia quasi una professionista su due (47,8%) adottava lo smart working prima del lockdown, dato che aumentava (61,9%) tra le intervistate con figli. Ma non è questa la misura che sostiene davvero la carriera professionale di una donna e che soprattutto le evita di dover scegliere tra lavoro e figli. A dirlo sono state le partecipanti alla ricerca di Wyser, società internazionale di Gi Group, che si occupa di ricerca e selezione di profili manageriali, condotta in occasione dell’anniversario del Soffitto di Cristallo.

Secondo l’84,1% delle professioniste è infatti la flessibilità oraria la chiave e queste settimane di lockdown lo hanno dimostrato. Lavorando da casa, oltre una professionista su due (59,1%) ha avuto la sensazione di aver avuto carichi di più pesanti rispetto alle giornate in ufficio. Il dato cresce di 7 punti, arrivando ai due terzi del campione, se si considerano le lavoratrici con figli.

Wyser_Soffitto-di-Cristallo3

Casa e lavoro in un unico ambiente: alla ricerca di un equilibrio

Il 59,1% delle intervistate è riuscita a tenere separate la sfera privata e quella lavorativa, ma farlo non è stato affatto semplice. Fondamentale è stato adattare un ambiente domestico a ufficio, separandosi dagli altri componenti della famiglia (40,9%) e condividere con il/la partner le faccende e le commissioni (29,5%). Hanno invece incontrato maggiori difficoltà le intervistate che non hanno avuto la possibilità di avere degli spazi dedicati al lavoro (13,6%) e quelle che psicologicamente non riuscivano a staccare dall’attività lavorativa (15,9%). 

Lavorare da casa per un periodo prolungato ha fatto anche emergere i vantaggi e i plus dell’attività sul posto di lavoro. Una partecipante alla survey di Wyser su due (50%) ha sentito la mancanza del confronto tra colleghi, il momento di brainstorming dal quale spesso nascono le idee più brillanti, ma a mancare rispetto a una normale routine lavorativa sono stati anche la possibilità di tenere separate la sfera lavorativa e quella privata (36,4%) e le occasioni di networking e di incontro con i clienti (29,5%). Per circa una su quattro (18,2%) le attività a cui suole dedicarsi durante il tragitto casa-lavoro, come la lettura o l’ascolto di un podcast.

Paure e speranze per il futuro

La ricerca evidenzia però anche una fiducia verso il futuro. Come per molte piccole e medie imprese il lockdown è servito a spingere sull’acceleratore della digitalizzazione, così allo stesso modo anche le professioniste e le lavoratrici nutrono la speranza che questo periodo di telelavoro sia servito per sensibilizzare il mondo del lavoro e per spingerlo ad abbracciare reali misure di supporto. Secondo il 43,2% delle intervistate, questo periodo potrà avere risvolti positivi in tal senso a livello nazionale, mentre per il 36,4% a livello della singola azienda. Si dice meno speranzosa solo una su quattro (20,5%).

Al contempo però questa emergenza sanitaria rischia di cancellare diritti e opportunità per la popolazione femminile, come riporta anche il Rapporto Onu di questi giorni. A ciò si aggiunge il famoso e non ancora abbattuto Soffitto di Cristallo che le intervistate da Wyser associano principalmente all’assenza delle donne nelle posizioni decisionali (27,3%), a stereotipi e pregiudizi che ancora oggi popolano i luoghi lavoro (25%), a una scarsa meritocrazia (20,5%) e al gender pay gap (13,6%).