© Getty Images

Al via la due giorni di concorso per un posto da insegnante nella scuola pubblica: tra oggi e domani (lunedì 17 e martedì 18) saranno 321.210 i candidati che si cimenteranno nella prova predisposta dal ministero dell’Istruzione per assegnare 11.542 cattedre, dalle materne alle superiori. Definito anche ‘concorsone’ per il gran numero di aspiranti insegnanti a tempo indeterminato, la prima prova dell’esame è costituita da 50 quesiti a cui i candidati dovranno rispondere in 50 minuti. Niente carta, si useranno soltanto computer. Le domande dovranno valutare le capacità logiche, di comprensione del testo, le competenze digitali e linguistiche dei candidati. Per passare la preselezione è necessario ottenere almeno un punteggio di 35/50. I candidati che superano la prova di preselezione saranno ammessi alle successive prove scritte che riguarderanno le discipline oggetto di insegnamento per ciascun posto o classe di concorso. Le liste saranno pubblicate in Gazzetta Ufficiale del 15 gennaio 2013).

L’IDENTIKIT DEI CANDIDATI. Dei 321.210 candidati, le donne saranno 258.476, l’età media dei candidati è di 38,4 anni. Circa la metà delle domande di partecipazione al concorso riguarda posti disponibili nel Sud: sono 164.827, il 51,3%. I due terzi degli aspiranti prof che hanno fatto domanda di partecipazione al concorso non proviene dalle graduatorie a esaurimento.