manager italiani

© Pixabay/kalhh

I manager italiani lo fanno meglio. Soprattutto in alcun ruoli. A indicare i pregi dei dirigenti tricolori è Chaberton Partners – società di Executive Search fondata da Christian Vasino e operativa su scala internazionale – che in un report ha indicato i punti di forza del manager italiani che vanno oltre i soliti ruoli ingegneristici. Per esempio, i manager italiani spiccano per professionalità e competenze, anche a livello internazionale, grazie a capacità tipiche italiane che contraddistinguono l’approccio al lavoro.

Manager italiani: ecco le posizioni ideali

I manager italiani sembrano le figure ideali soprattutto per alcuni ruoli, analizzando le richieste provenienti dai principali Paesi europei. Ecco quali:

  • Hr Director

«È soprattutto la combinazione del background tecnico degli italiani che li rende adatti al ruolo», dichiara Christian Vasino, Ceo di Chaberton Partners. «Spesso, chi fa questo lavoro nel nostro Paese, inizia la propria carriera occupandosi di relazioni sindacali, imparando da subito le arti della trattativa e della negoziazione. Flessibile per antonomasia, l’italiano ha il senso dell’organizzazione».

  • Sales & Marketing Director

Creatività e capacità negoziali superiori alla media rendono gli italiani in grado di eccellere e vincere. «Fondamentale per chi ricopre questo ruolo in Italia e vuole sfondare all’estero, aver avuto esperienze di formazione in società internazionali, che gli abbiano permesso di confrontarsi con strutture organizzative complesse», precisa Vasino.

  • Responsabile Business Unit

In questo caso le capacità di problem solving, attitudine commerciale, flessibilità e resilienza rendono il manager italiano il candidato ideale, soprattutto rispetto ai competitor nordici, spesso poco flessibili e accademici.