Azim Premji © GettyImages

Azim Premji

Un tablet low cost da 20 sterline (23 euro), circa un ventesimo dell’iPad. È l’ambizione di Wipro, azienda indiana del magnate Azim Premji che entro l’inizio del 2012 presenterà un dispositivo per tutte le tasche, accessibile anche dai contadini e dai ragazzi in età scolare. Non sarà facile, perché il costo di ogni singolo dispositivo di un tablet dovrà essere drasticamente ridotto senza compromettere la qualità, ma Azim Premji è sicuro che la sua impresa avrà successo: l'azienda sta infatti lavorando a componenti in miniatura e a nuove applicazioni nanotecnologiche per ridurre il consumo di energia e rendere così il prodotto ancora più accessibile.
Se il tablet di Wipro avrà successo, sarà una rivoluzione per un Paese da 1,2 miliardi di persone e una rete 3G che si sta espandendo in tutto il Paese. Attualmente l'India è una nuova frontiera per quanto riguarda l'internet mobile e si prevede che le vendite dei tablet supereranno il milione entro i prossimi 12 mesi, ma il grosso potenziale mercato è invece per i dispositivi più economici, proprio quello che Wipro sta cercando di realizzare.