Vendite smartphone in calo: prezzi alti e poche grandi rivoluzioni

Photo by Nicolas Thomas on Unsplash

Nonostante lo smartphone sia uno degli oggetti più diffusi in assoluto, tanto che secondo le statistiche ufficiali più dell’80% della popolazione mondiale ne possiede uno, le vendite del settore sono in calo. A registrare la flessione del mercato il report di International Data Corporation (Idc) e Strategy Analytics, secondo cui nel terzo trimestre del 2018 sono stati acquistati nel mondo 355,2 milioni di telefonini: il 6% in meno rispetto allo stesso periodo del 2017. Il calo riguarda tutte le aziende produttrici, Apple compresa (i possessori di iPhone tendono ad aspettare di più rispetto al passato per cambiare telefono) anche se si registra la performance in controtendenza di Huawei e della emergente Xiaomi, che rispetto allo scorso anno fanno registrare una crescita rispettivamente del 30 e del 20%. 

Smartphone: grande attesa per il 5G

In realtà, è ormai da un anno che il mercato di questi dispositivi arranca. Per quali ragioni? Essenzialmente perché, si evidenzia nel report, mancano vere innovazioni che attraggano i consumatori e li spingano a cambiare smartphone e, dall’altro, perché i nuovi modelli costano troppo. Ma le cose potrebbero cambiare a breve. “Con il mercato che è ormai completamente saturo, i produttori sembrano contare sul 5G e su nuovi sviluppi tecnologici - come i tanto attesi display pieghevoli - per invertire il trend. Crediamo che il mercato inizierà a riprendersi nel 2019 e dopo, spinto a breve termine da un grande rinnovamento in tutti i segmenti mentre nel periodo successivo dalla migrazione al 5G”, scrivono gli analisti.