©GettyImages

Leo Apotheker, Ceo di Hewlett Packard

Una vera e propria rivoluzione nel mondo dei pc. Hewlett Packard sarebbe in procinto di abbandonare il settore. Il maggiore produttore mondiale ha ammesso, infatti, di star pensando allo scorporo della divisione che si occupa di personal computer. Da HP fan sapere, infatti, che il consiglio di amministrazione ha autorizzato l’esplorazione di «strategie alternative» in questo senso, compresa appunto la «separazione completa o parziale della divisione», un processo che potrebbe richiedere dai 12 ai 18 mesi e potrebbe portare alla cessione. La notizia arriva insieme ad altri due eventi che sembrano ormai definitivamente segnare il destino del colosso Usa, il primo è la fine della produzione del tablet TouchPad HP, nonché dei cellulari basati su WebOS; il secondo è, invece, l’acquisto, da parted i HP, della società britannica di software, specializzata nel software cloud, Autonomy per la somma record di 10,25 miliardi di dollari. «Hp è a un punto critico della sua esistenza, e questi cambiamenti sono fondamentali per il successo che tutti vogliamo», ha detto agli analisti l’amministratore delegato dell'azienda Leo Apotheker durante una conferenza stampa.