Esplode la tablet mania, almeno secondo l’Abi Research che nei giorni scorsi ha diffuso una nuova stima sulla diffusione di alcuni prodotti portatili. Le nuove cifre parlano di 11 milioni di media tablet distribuiti entro la fine dell’anno (a febbraio l’istituto parlava di 4 milioni) e di 43 milioni di netbook, in decremento rispetto alle precedenti. Si tratta comunque di “indici positivi” assicura un analista Abi, non solo per i tablet, ma anche per i netbook “che non registrano i tassi di crescita vertiginosi degli ultimi due anni, ma crescono”.
Sulle aspettative nei confronti dei tablet l’Abi sottolinea che si è ancora lontani “dai volumi che possono fare di questa nuova category un mercato di massa (40-50 milioni)”. Per l’istituto bisognerà aspettare il 2012/13 per parlare di un vero e proprio mercato di massa, “ma il rallentamento dei netbook è dovuto comunque anche a questi nuovi prodotti. Non sottovalutiamo poi - continua l’Abi - che il mercato è stato fino a ora fatto praticamente da Apple e che il posizionamento degli iPad fanno di questo device ancora un prodotto con un posizionamento luxury o comunque premium. Una competizione, anche di prezzo, è quindi necessaria per lo sviluppo di questo segmento”. L’istituto di ricerca evidenzia inoltre nel proprio report come il modello adottato al momento è consumer & entertainment, mentre si intravedono solo ora prodotti in grado di rispondere anche ad esigenze business & working.