© Getty Images

Dal prossimo anno smartphone, tablet, Pc e ogni altro device con memoria potrebbero avere un prezzo più caro. Alla Camera dei deputati, infatti, è stato inserito un emendamento alla legge di Stabilità, che prevede l’aumento del “equo compenso”, ovvero la “tassa” Siae volta a compensare coloro che sono detentori del diritto d’autore da download illeciti. Anitec ha evidenziato,infatti, che per favorire l’industria della cultura si penalizza quella tecnologica, in un Paese in cui il digital divide è, tra l’altro, ampio. Se il provvedimento verrà approvato dai due rami del Parlamento l’incremento dell’equo compenso sarà del 70%. Ciò significa che la Siae ricaverà 210 milioni di euro, anziché 80 milioni di euro.