Sicurezza, intelligenza artificiale, 5 G: ecco la Next Mobile Economy

Sul palco del Wow Samsung Business Summit 2018, evento dedicato ai temi della trasformazione digitale

Le aziende innovative che vogliono rimanere al passo coi tempi e non perdere la sfida della competitività devono necessariamente aprirsi alla Next Mobile Economy. Qualsiasi sia il loro ambito di appartenenza: assistenza sanitaria, servizi finanziari, robotica, guida autonoma, giornalismo… tutti i comparti devono adottare soluzioni mobili per lasciare la propria impronta sul mercato. Per questo, elementi come intelligenza artificiale, reti di quinta generazione (5G), archiviazione cloud, applicazioni di realtà virtuale e internet delle cose saranno sempre più centrali. Se ne è discusso anche durante il WowSamsung Business Summit 2018, l’evento annuale di Samsung dedicato ai temi della trasformazione digitale, che si è tenuto nei giorni scorsi a Milano. “Questo è il momento per le aziende, e non solo, di comprendere le sfide e le opportunità che dovremo affrontare nella nuova epoca. Riuscire nella Next Mobile Economy non significa solo integrare i dispositivi mobili nel proprio lavoro, ma ripensare l’intera economia del futuro come mobile-first”, ha affermato Carlo Barlocco, Presidente di Samsung Electronics Italia.

La sicurezza è centrale nella Next Mobile Economy

Ma che cos’è la Next Mobile Economy? Si tratta di un modo rivoluzionario di intendere il business che si basa su una profonda trasformazione digitale e l’integrazione di soluzioni e strumenti personalizzati che aumentino la produttività, la flessibilità e i risultati. Un processo che non può prescindere da un’attenzione massima al sistema di sicurezza. Con l’aumento dell’economia mobile e dei lavoratori “mobili” che agiscono al di fuori delle sedi dell’azienda, il compito degli IT manager diventerà sempre più complesso.