Con Home-J i lavori li controlli sullo smartphone

Foto di Niek Verlaan da Pixabay

Il digitale unisce l'home design al real estate. Milano Contract District lancia Home-J, la nuova app che consente di controllare da remoto ogni fase del "viaggio" che porta alla realizzazione di una nuova abitazione. Senza ovviamente rinunciare allo showroom fisico, la nuova proposta amplia l'offerta aprendosi alle opportunità offerte dal mondo digitale.

Del resto il mercato immobiliare, che già cambia e si rinnova a ritmi sostenuti, ora come tutti i settori dovrà anche adeguarsi alle nuove normative anti-coronavirus. Secondo Lorenzo Pascucci, Founder di Milano Contract District, per fronteggiare l’era post-Covid che inizia a delinearsi, è importante prendere atto dell’accelerazione ai cambiamenti subita da alcuni processi e prepararsi ad affrontarla con la solidità tipica di un grande gruppo attraverso un modello di business in grado di offrire un servizio finalizzato ad un acquisto di casa sicuro, esperienziale, personalizzabile e consegnato chiavi in mano. “Meditando sul dopo-emergenza e sui servizi esclusivi che offriamo – spiega – sono convinto che, adeguandoci alle prescrizioni di sicurezza sanitaria, non dovremo stravolgere il nostro modello di approccio al cliente. La promessa distintiva di MCD di garantire l’accesso esclusivo a uno showroom di oltre 1700 mq, chiuso al grande pubblico e visitabile solo attraverso appunta-menti privati e calendarizzati da un personal architect è infatti già allineata alle nuove modalità di vendere e comprare che caratterizzeranno le nostre esistenze dopo l’emergenza”.

Come funziona l'app Home-J

In pratica,con Home-J tutti gli attori coinvolti nel processo di realizzazione di una nuova abitazione (impresa – cliente – fornitore) possono ora comunicare in remoto tra di loro.
Lato cliente finale, la app permetterà di seguire passo dopo passo la definizione di tutti gli aspetti riguardanti la propria residenza, con la documentazione sempre disponibile online, l’accesso all’archivio documentale, alla richiesta di video-chiamate con un architetto, alla consultazione della timeline delle attività di verifiche sul cantiere, per arrivare sino alle sezioni dedicate alle surveys di customer satisfaction ed alle richieste di assistenza post-rogito. Home-J permetterà inoltre di interloquire in modo riservato con i consulenti dedicati del team di Milano Contract District, fissare e seguire una video-call in diretta con il progettista, seguire (sempre da remoto) grazie all’home tracker le fasi del fit-out costruttivo ed arredativo per avere contezza anche sulle attività di verifica, rilievo e controllo di assistenza al cantiere che proseguono per mesi dopo gli ultimi incontri in showroom. Partendo dalle scadenze e dalle fasi di avanzamento indicate dall’impresa viene quindi retro-pianificata l’agenda di incontri per le scelte di personalizzazione casa da parte degli acquirenti dando loro contemporaneamente un log-in per entrare in Home-J da remoto e gestire, tracciare, archivia-re, aggiornarsi, informarsi sull’avanzamento del loro “viaggio” verso la propria nuova casa. 

L'idea è però che la app diventi un utile strumento di lavoro anche dal punto di vista B2B (promotori, broker, sviluppatori, investitori), perché permette di ricevere costantemente una chiara visibilità in tempo reale di tutte le attività e il mantenimento delle tempistiche che Milano Contract District sta svolgendo con le decine o centinaia di acquirenti della residenza in costruzione. 

Infine, sempre attraverso il sistema Crm Home-J, è previsto anche il rilascio di due survey: la prima al termine della fase di design management e la seconda dopo la consegna dell’immobile, per monitorare i risultati raggiunti e il grado di soddisfazione del cliente da condividere con il promotore e funzionali a garantire la massima trasparenza e tensione verso il miglioramento che è tipica di chi vuole crescere in un mercato complesso e articolato come quello dello sviluppo residenziale.